Resta in contatto

News

Il punto a metà del ritiro: il Perugia è in ritardo

L’allenamento congiunto con la Fermana ha evidenziato una squadra ancora in itinere, da completare, ‘bellina’ e non ancora calata nella categoria che la attende. Ma soprattutto con venti giorni di preparazione atletica di meno nelle gambe…

Il Perugia è in ritardo. Detta così, sembra l’ennesima responsabilità da ascrivere a qualcuno, in realtà stavolta si tratta di semplice contingenza. L’amichevole con la Fermana ha messo in evidenza un Perugia ancora in itinere, che deve comprendere e integrare i dettami del suo nuovo allenatore (che sta destando un’ottima impressione ed è seguito dal gruppo con entusiasmo e determinazione), con qualche ruolo ancora scoperto (soprattutto in attacco, dove ha giocato il tridente obbligato composto da Melchiorri, Bianchimano e Manconi) ma soprattutto indietro nella condizione atletica. Il tutto è naturalmente dovuto alla partenza ritardata rispetto alla concorrenza a causa della disputa del doppio playout con il Pescara, almeno una ventina di giorni di lavoro che sul campo si sono visti tutti.

Se i grifoni hanno dimostrato una netta superiorità sul piano del palleggio, se si sono dimostrati magari ancora troppo ‘bellini’ ma impenetrabili nella chiave difensiva grazie alla coppia composta da Sgarbi ed Angella, al cospetto di un avversario a tutti gli effetti ‘di categoria’ (corsa, agonismo a tratti persino esasperato, intensità totale), il Perugia ha per larghi tratti sofferto ed è riuscito a spuntarla soltanto nel finale grazie ad un gol del suo uomo più tecnico (Melchiorri) che ha risolto di testa in mischia.

Il cantiere – si diceva – è aperto e la settimana prossima dirà una parola importante sulle uscite (Dragomir, Di Chiara, Angella, Mazzocchi, Sgarbi sono in lista di sbarco ma senza offerte concrete) e in entrata, dove in attesa delle uscite il ds Giannitti è determinato a prendere un difensore centrale, due attaccanti esterni e una punta centrale. Ma è evidente che, a prescindere dal mercato, la squadra di Caserta che in questi giorni lavora sodo a Cascia agli ordini del professor Chinnici (un preparatore-garanzia: andate a sbirciare il suo curriculum…) preparando il campionato del post-Covid, finirà per pagare – si spera nella maniera più indolore possibile – il suo ritardo anche nelle prime giornate di campionato.

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

eppure siamo sempre i primi ad inizio campionato…. siamo in ritardo su tutto oltre che con la preparazione

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Aspettiamo sempre che qualcuno ci mandi qualche giocatore gratis che speriamo?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Meglio così, lo scorso anno rosa completa a inizio preparazione e poi è finita male.

Federico
Federico
10 mesi fa

Dice che Murano si allontana lo vuole la triestina be metti fatto farà la fine di corazza

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Noi siamo sempre in ritardo !!!
Con la nostra politica più delle volte si arriva “secondi ” !!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Ragazzi questo è normale..cmq sempre santopadre vattene

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Se vende anche Angella e Sgarbi ce rimane Monaco. Apposto ?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

Ma comm mai..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

No, ma va!?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 mesi fa

?strano…..?

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ti ho voluto bene e ti ho odiato mi hai fatto piangere di gioia e di rabbia, avrei voluto abbracciarti un giorno e picchiarti il giorno dopo... La..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da News