Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Grifo, il Carpi non ha timore: “A Perugia per vincere”

Il portiere degli emiliani Rossi sulla sfida di domenica: “Basta un episodio per cambiare tutto. Sarà una partita difficile, ma dovremo fare la prestazione”

Tre partite consecutive senza vittoria. Ora il Grifo deve rialzare la testa se non vuole definitivamente dire addio alle speranze di promozione diretta. Dopo il pareggio al fotofinish con il Cesena, per l’autogol di uno sfortunato Cancellotti, in cui a livello di prestazione gli uomini di Caserta non hanno mostrato scorie per la sconfitta di Padova, l’occasione di tornare ai tre punti si chiama Carpi.

Ma gli emiliani arriveranno domenica al “Curi” dopo tre partite senza sconfitte, tra cui la netta vittoria per 3-0 contro il Modena, senza alcuna intenzione di fare da vittima sacrificale. A parlarne è stato il portiere del Carpi Matteo Rossi a La Voce di Modena: “A Perugia sarà una partita difficilissima, fuori casa abbiamo fatto pochi punti. Dobbiamo affrontare ogni partita per vincerla. Dovremo fare la prestazione e un episodio potrebbe cambiare tutto”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Daniele Vinciarelli
Daniele Vinciarelli
4 mesi fa

Ma va a cacciare le patate!!!! Se sei capace.

Valter
Valter
4 mesi fa

Non c’è da dargli torto se le teste a 10 partite dalla fine del torneo sono quelle di Cesena tutto è possibile

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ti ho voluto bene e ti ho odiato mi hai fatto piangere di gioia e di rabbia, avrei voluto abbracciarti un giorno e picchiarti il giorno dopo... La..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario