Resta in contatto

News

Fermana-Perugia 1-1, Cornacchini: “Innamorato del Grifo ma…”

Il tecnico dei padroni di casa che ha strappato il pari alla sua ex squadra: “Non posso essere dispiaciuto per questo pareggio, i miei ragazzi erano carichissimi anche per le polemiche dopo il rinvio”

Era una partita speciale per Giovanni Cornacchini. Ed era una partita particolare anche per la sua Fermana, perché in palio c’erano punti salvezza preziosi ma anche qualcosa in più viste le polemiche perugine dopo il rinvio del match a febbraio a causa della neve.

‘Jo Condor’ ha lasciato il segno con la maglia del Grifo e ha analizzato con schiettezza il pareggio (1-1) del ‘Recchioni’. “Abbiamo fatto la nostra gara – ha detto a Umbria Tv – cercando di controbattere su ogni pallone. Dovevamo fare una partita di attesa, poi siamo stati agevolati dall’espulsione che fa parte del gioco. Se uno sbaglia è giusto rimanere in 10. Alla fine abbiamo avuto molte occasioni per vincere ma non siamo stati brillantissimi viste le tante partite ravvicinate”.

“Conoscevamo la forza del Perugia, dovevamo tener botta e ci siamo riusciti. Non è che in 10 si perde sempre, siamo stati agevolati ma anche perché abbiamo fatto una gara tosta. Se pensiamo che in panchina il Perugia aveva Melchiorri, Vano e Bianchimano…”, ha aggiunto Cornacchini per certificare la caratura dell’avversario. “Per assurdo, usciamo dalla gara con rammarico”.

“Il rosso a Vano? Non mi ero nemmeno accorto, ma l’arbitro era lì. Per il Perugia in 10 non è stato facile, oltretutto contro una squadra carichissima come la mia. E’ stato facile preparare mentalmente questa partita – ha svelato l’ex attaccante del Grifo – dopo le polemiche per il rinvio per la neve che non era stata spalata”.

Sono innamorato di Perugia – ha aggiunto -, ho ancora amici, l’Umbria mi ha dato tanto e sono affezionato in una maniera incredibile al Grifo. Giocare queste partite è stimolante ma sono sincero: non posso essere dispiaciuto per questo pareggio perché vado avanti fino alla morte per la mia squadra e oggi dovevamo assolutamente fare punti per tiraci fuori dalla zona pericolosa. Per il Perugia non è finita, è importante non perdere la convinzione perché se non ce la dovesse fare ad arrivare prima ci sono ancora i play off, l’allenatore è molto bravo e la squadra ha tutte le carte in regola per poterli vincere”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Grifone Fontivegge
Grifone Fontivegge
5 mesi fa

Con Jo Condor davanti sto campionato l’avevamo chiuso da mo…

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "GAUCCI È STATO IL PIÙ GRANDE DI TUTTI."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da News