Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Pillon: “Il Perugia è la squadra con più qualità. Triestina al Curi per giocarsela”

Il tecnico del club alabardato sulla sfida di domenica: “Noi non dobbiamo ripetere il secondo tempo di San Benedetto e alla fine si vedrà chi avrà la meglio”

Da una parte una pretendente alla vittoria finale che vuole dare continuità al blitz di Verona, dall’altra un’avversaria che sette giorni fa ha battuto il Padova e veniva da tredici risultati utili consecutivi prima di perdere in casa della Samb. Perugia-Triestina è una gara ricca di motivazioni e di significati sia in ottica promozione che in quella play off.

Il Perugia deve vincere al cospetto di un avversario in forma. Alla vigilia il tecnico degli alabardati Giuseppe Pillon precisa: “Le qualità individuali del Perugia emergono su tutte le contendenti,  ma sarà sempre una partita di calcio e si parte dallo 0-0. Noi conosciamo le difficoltà che incontreremo. Non dobbiamo ripetere il secondo tempo di San Benedetto, ma essere cattivi, tosti, determinati e alla fine vedremo chi avrà avuto la meglio”.

In casa Triestina si riduce la lista degli indisponibili:  Petrella ha ancora qualche problemino, ma stiamo cercando di portarlo nella miglior condizione. Giorico è stato fermo per il Covid, ma da martedì si è sempre allenato. Deciderò dopo aver parlato con lui se portarlo a Perugia”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ti ho voluto bene e ti ho odiato mi hai fatto piangere di gioia e di rabbia, avrei voluto abbracciarti un giorno e picchiarti il giorno dopo... La..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario