Resta in contatto

News

Grifoni in prestito: Minesso e Negro verso l’addio, Di Noia rimane

L’analisi della rosa effettuata dai quotidiani locali: si farà di tutto per trattenere Elia, il trequarti torna al Pisa a causa delle presenze. Vano se la gioca con Bianchimano

Analisi della situazione contrattuale della rosa del Perugia da parte dei quotidiani locali, Il Messaggero, La Nazione e Il Corriere dell’Umbria in edicola, nell’attesa che dopo la partita di Supercoppa contro la Ternana venga dato il via ai piani del futuro. Sono sei i grifoni in prestito da altre squadre.

Incertezza su Crialese, che arrivò l’estate scorsa dalla Pro Vercelli in prestito con diritto di opzione per una cifra simbolica. Il Perugia conta di reperire un terzino mancino sul mercato e confermare soltanto uno tra lui e Favalli. Uno degli obiettivi più importanti sarà la conferma di Elia, arrivato dall’Atalanta l’estate scorsa con diritto di opzione e contropzione. La promozione in B del Perugia e la permanenza di Caserta potrebbero favorire l’operazione.

Negro tornerà al Monza nonostante il diritto di opzione, mentre sono da considerare a tutti gli effetti giocatori del Perugia Di Noia (aveva l’obbligo di riscatto dall’Empoli in caso di B) e Vano, il cui obbligo di riscatto alla prima presenza è già stato fatto valere. Anche se poi, date le caratteristiche, solo uno tra Vano e Bianchimano dovrebbe restare. Infine Minesso: nel suo contratto di prestito pare fosse inserita la clausola dell’obbligo di riscatto in caso di promozione in B ma solo al raggiungimento di un determinato numero di presenze. Condizione che pare non si sia verificata: Minesso dovrebbe dunque tornare al Pisa proprietario del cartellino.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

No Vano No per carità,Bianchimano 100 volte meglio

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Già iniziato il casino del calciomercato

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ti ho voluto bene e ti ho odiato mi hai fatto piangere di gioia e di rabbia, avrei voluto abbracciarti un giorno e picchiarti il giorno dopo... La..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da News