Resta in contatto

Approfondimenti

Grifo, il pagellone di fine anno: Monaco è la Fenice

L’approfondimento sul rendimento dei giocatori biancorossi: il centrale si è ripreso Perugia con prestazioni preziose e il gol di fondamentale importanza contro il Sudtirol

La corsa verso la bandierina agitando le braccia come fossero due ali. E’ l’esultanza dopo il gol al Sudtirol, quando il Grifo si è rialzato dalla sconfitta di Gubbio, l’immagine della stagione di Salvatore Monaco. Il centrale tornato a Perugia in estate dopo il prestito al Cosenza  aveva un rapporto da ricucire con la tifoseria, problema acuito dalla retrocessione. E’ diventato un tassello prezioso per Caserta e ha riportato il pubblico perugino dalla sua parte.

Onnipresente

Complici anche gli infortuni di Sgarbi e Negro, Monaco in stagione ha trovato veramente tanto spazio. Le ventiquattro partite disputate, considerando anche le cinque saltate per problemi fisici e quella per squalifica, rappresentano l’importanza che il difensore ha avuto per Caserta. Il grifone è stato il secondo centrale più utilizzato dal tecnico e ha formato con Angella, quando il Grifo ha adottato l’assetto difensivo a quattro, una coppia importante di quantità e qualità. Non ha deluso le aspettative neanche quando i biancorossi sono stati schierati con la difesa a tre.

Marcatura e marcatore

Grandi capacità in marcatura ma non solo. Monaco ha segnato un gol importantissimo per la cavalcata finale, quella vittoria al “Curi” contro il Sudtirol è stata la spinta in più che ha evitato la rovinosa caduta dopo Gubbio e ha permesso la rimonta sul Padova. Da sottolineare anche la maturità dimostrata sul piano comportamentale.

Voto; 7,5

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
grifoz
grifoz
20 giorni fa

Grande Guerriero!!! 💪💪💪🏆🏆🏆

Advertisement

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Il gol di Antonio fu meritato e gioimmo tutti. ..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Con Galeone il calcio era uno spettacolo. Si poteva vincere o perdere ma il gioco era divertente senza troppi tecnicismi. Un po' come il calcio di..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da Approfondimenti