Resta in contatto

Approfondimenti

Grifo, il pagellone di fine anno: Negro condizionato dagli infortuni

L’approfondimento sul rendimento dei giocatori biancorossi: solo otto match da titolare, ma due i momenti cruciali per la cavalcata promozione

Le aspettative per il centrale che scendeva dal Monza per conquistare la seconda promozione in B erano tante. Eppure la stagione di Stefano Negro è stata sottotono. Non per demeriti, anzi. Ma le assenze per infortunio (addirittura quindici) condizionano certamente il giudizio finale.

Seconda scelta

Dodici partite in totale, otto da titolare. Negro è stato utilizzato da Caserta sia con l’assetto a tre che con quello a quattro. E di cose buone ne ha fatte vedere, offrendo un alto rendimento quando in condizione. Ma a tutti gli effetti causa il periodo fermo ai box è diventato il quarto centrale della stagione. Gli infortuni hanno quindi fatto fallire l’operazione “rilancio” dopo la sola partita giocata a Monza nell’anno della promozione. L’ultimo campionato in cui il difensore ha giocato anche con continuità è quello del 2018/2019 nel club di Berlusconi: ventisette match disputati, tre gol segnati e anche la fascia da capitano indossata.

Il destino

Il nome di Negro è comunque legato, per coincidenza o per destino scegliete voi, a momenti cruciali della cavalcata promozione. Suo il primo gol segnato dopo la batosta di Mantova: il colpo di testa alla Fermana è stato il primo segnale della ripresa, da là è partita la striscia di undici risultati utili consecutivi. Il suo ingresso contro la Triestina ha permesso alla squadra, votata maggiormente all’attacco, di adottare un altro assetto di gioco. Da quel momento è partita la rimonta decisiva, quella considerata da tutti gli addetti ai lavori il momento cruciale del campionato.

Voto: 6

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Daniele Vinciarelli
Daniele Vinciarelli
19 giorni fa

Si be Venturato non è pane per noi. Ci ha la fila per prenderlo.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
19 giorni fa

PRENDERE VENTURATO…DEL CITTADELLA..
GRANDE PROFESSIONISTA E CONOSCE BENE LA B,,, NON SOLO, LE SUE SQUADRE GIOCANO HA MEMORIA CON GIOCATORI NON DI NOME MA ATTACCATI ALLA MAGLIA ☺☺☺☺☺

Advertisement

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Il gol di Antonio fu meritato e gioimmo tutti. ..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Con Galeone il calcio era uno spettacolo. Si poteva vincere o perdere ma il gioco era divertente senza troppi tecnicismi. Un po' come il calcio di..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da Approfondimenti