Resta in contatto

Amarcord

Diciassette anni dall’ultimo Europeo Under 21 azzurro: il legame con il Grifo

Tre ex biancorossi facevano parte della squadra guidata da Gentile: Caracciolo aveva giocato a Perugia due stagioni prima, Amelia e Brighi arriveranno in Umbria oltre dieci anni più tardi

Sono passati diciassette anni dal quinto e ultimo Europeo vinto dalla Nazionale Under 21. Era appena cominciata l’estate del 2004, l’anno in cui Schumacher e Valentino Rossi dominavano gli sport motoristici, Baggio giocava la sua ultima partita e Zuckerberg inventava Facebook. Nel calcio il Milan conquistava lo scudetto, la Grecia si laureava a sorpresa campione d’Europa e il Porto di Mourinho centrava l’impresa alzando la Champions League. In Italia cresceva una giovane generazione di campioni, di cui in cinque due anni più tardi vinsero il Mondiale con Lippi.

Negli europei Under 21 del 2004 partecipavano otto squadre: Bielorussia, Croazia, Germania, Italia, Serbia e Montenegro, Portogallo, Svezia e Svizzera. Gli azzurri si classificarono primi nel proprio girone e poi superarono in semifinale i lusitani (3-1). L’8 giugno del 2004 al Ruhrstadion di Bochum andò in scena la finale tra Italia e Serbia e Montenegro. La squadra allenata da Claudio Gentile vinse siglando altre tre reti con De Rossi, Bovo e Gilardino. Quella sera sedeva in panchina Andrea Caracciolo, trasferitosi nell’estate precedente dal Perugia al Brescia di cui poi divenne una bandiera. Altri due giocatori hanno indossato la maglia del Grifo diversi anni più tardi quella partita: nel 2015 Marco Amelia (dopo aver vinto un Mondiale e due scudetti) che in quell’Europeo era titolare e dal 2016 al 2018 Matteo Brighi, che subentrò in quella finale.

Foto dal sito della FIGC

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "GAUCCI È STATO IL PIÙ GRANDE DI TUTTI."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da Amarcord