Resta in contatto

News

Ex Grifo, al capocannoniere della Serie A il Premio Paolo Rossi

L’Aic ha deciso di legare per sempre il nome di Pablito al vincitore della classifica marcatori del massimo campionato

L’Assocalciatori ha deciso di legare per sempre al nome del grande ex grifone Paolo Rossi il riconoscimento assegnato al capocannoniere della Serie A. Il primo a fregiarsi del trofeo, un pallone di plexiglass trasparente, impreziosito da due dischi d’argento, uno dei quali placcato in oro, con al centro la foto dell’eroe azzurro del Mundial ’82, è Cristiano Ronaldo, che ha vinto la classifica dei goleador nell’ultimo campionato, e sarà impreziosito da 29 diamanti incastonati, quante le reti del portoghese della Juventus, per un valore complessivo di 3,30 carati.

L’iniziativa, condivisa dal Consiglio Direttivo dell’Aic, come spiega una nota ha trovato l’immediato consenso di Federica Cappelletti, la moglie del campione scomparso lo scorso dicembre, unico giocatore nella storia del calcio italiano ad aver vinto consecutivamente la classifica cannonieri in Serie B (21 gol nella stagione 1976/77 con il Vicenza) e in Serie A, nonché quella del Mondiale di Spagna 1982 con 6 reti. La cerimonia di premiazione di Cristiano Ronaldo verrà programmata durante una delle prime giornate del prossimo campionato: gli consegneranno il premio il presidente dell’Aic Umberto Calcagno e il direttore generale Gianni Grazioli, assieme a Federica Cappelletti. (ANSA).

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "GAUCCI È STATO IL PIÙ GRANDE DI TUTTI."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da News