Resta in contatto

News

Capriole Grifo a Cremona (3-0): solidità e killer instinct

In gol Lisi, Zanandrea e Kouan. Gli uomini di Alvini reggono anche in inferiorità numerica

Volteggia in aria Christian Kouan. I cori dei tifosi biancorossi giunti a Cremona sono la cornice perfetta delle capriole volanti dell’ivoriano nell’esultanza per il 3-0. Il Grifo si rende protagonista di una grande prestazione e al triplice fischio finale è festa quasi inaspettata. Debutta bene la coppia inedita formata da Matos e De Luca, con Murano e Carretta che possono tranquillamente rimanere in panchina per tutti i novanta minuti. A sbloccare il risultato è Lisi che trasforma in un assist decisivo il tiro svirgolato dell’attaccante arrivato dalla Sampdoria. L’esterno poi si inventa uomo assist di pregevole fattura e con un colpo di tacco lancia Zanandrea, che beffa Carnesecchi sul primo palo. Il debutto da sogno in B dell’ex Mantova viene però macchiato in dieci minuti con l’espulsione per doppia ammonizione.

La Cremonese è viva e si fa sentire in attacco: Chichizola deve opporsi sulla botta al 5′ di Baetz e bloccare nel finale del primo tempo il colpo di tacco di Di Carmine. A salvare sulla punizione di Bartolomei ci pensa la traversa. Nella seconda frazione i grigiorossi crescono sul piano del possesso palla e fanno abbassare i grifoni, che però non rischiano più. Un secondo tempo in cui Chichizola non deve superarsi in grandi parate e diverse occasioni di Buonaiuto e compagni terminano fuori. A chiudere il match ci pensa Kouan che inizia e conclude l’azione che porta al gol del 3-0. Il Perugia si conferma la seconda miglior difesa con quattro gol subiti come Frosinone e Monza, dietro solo al Pisa. Passi in avanti anche in attacco: se contro il Cosenza ci si lamentava delle occasioni sprecate, ora si fanno i complimenti per il cinismo. Occhio però a non esaltarsi per una netta vittoria in un turno infrasettimanale. L’obiettivo della banda di Alvini rimane la salvezza e una partita non può cambiare completamente l’umore e le ambizioni. La notte di Cremona rappresenta comunque una tappa importantissima del percorso biancorosso.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Grifo, il Pagellone di fine anno: che voto a Lisi?

Ultimo commento: "Non può giocare come professionista lo vedo bene con il pretola sulla fascia destra vicino al Tevere a chiappa le libellule no comment"

Grifo, prendi un attaccante e un centrocampista: le vostre richieste di mercato

Ultimo commento: "Diamogli anche Giulini in omaggio, visto che ci siamo XD"

SONDAGGIO: Gong sul mercato di gennaio. Che voto al Perugia?

Ultimo commento: "Cari amici leccesi uno scarso nel vostro attacco si vede troppo ma nel nostro neanche si nota"

Pallone d’Oro biancorosso 2021: il vincitore è Salvatore Burrai

Ultimo commento: "Quindi Burrai è risultato più decisivo di Angella tra l'anno scorso e questo girone di andata. Complimenti"
Advertisement

I Miti biancorossi

Il 'Tigre' di Perugia

Antonio Ceccarini

Il bomber perugino campione d'Europa

Fabrizio Ravanelli

Il 'Condor' biancorosso

Franco Vannini

Il profeta di Perugia

Giovanni Galeone

Lo storico allenatore biancorosso

Guido Mazzetti

Il principe del Sol Levante

Hidetoshi Nakata

L'allenatore del Perugia dei 'miracoli'

Ilario Castagner

Il Lord capitano del Perugia dei miracoli

Pierluigi Frosio

L'uomo-simbolo del Perugia

Renato Curi

L'uomo che apparteneva al fiume

Serse Cosmi

Altro da News