Calcio Grifo
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Capriole Grifo a Cremona (3-0): solidità e killer instinct

In gol Lisi, Zanandrea e Kouan. Gli uomini di Alvini reggono anche in inferiorità numerica

Volteggia in aria Christian Kouan. I cori dei tifosi biancorossi giunti a Cremona sono la cornice perfetta delle capriole volanti dell’ivoriano nell’esultanza per il 3-0. Il Grifo si rende protagonista di una grande prestazione e al triplice fischio finale è festa quasi inaspettata. Debutta bene la coppia inedita formata da Matos e De Luca, con Murano e Carretta che possono tranquillamente rimanere in panchina per tutti i novanta minuti. A sbloccare il risultato è Lisi che trasforma in un assist decisivo il tiro svirgolato dell’attaccante arrivato dalla Sampdoria. L’esterno poi si inventa uomo assist di pregevole fattura e con un colpo di tacco lancia Zanandrea, che beffa Carnesecchi sul primo palo. Il debutto da sogno in B dell’ex Mantova viene però macchiato in dieci minuti con l’espulsione per doppia ammonizione.

La Cremonese è viva e si fa sentire in attacco: Chichizola deve opporsi sulla botta al 5′ di Baetz e bloccare nel finale del primo tempo il colpo di tacco di Di Carmine. A salvare sulla punizione di Bartolomei ci pensa la traversa. Nella seconda frazione i grigiorossi crescono sul piano del possesso palla e fanno abbassare i grifoni, che però non rischiano più. Un secondo tempo in cui Chichizola non deve superarsi in grandi parate e diverse occasioni di Buonaiuto e compagni terminano fuori. A chiudere il match ci pensa Kouan che inizia e conclude l’azione che porta al gol del 3-0. Il Perugia si conferma la seconda miglior difesa con quattro gol subiti come Frosinone e Monza, dietro solo al Pisa. Passi in avanti anche in attacco: se contro il Cosenza ci si lamentava delle occasioni sprecate, ora si fanno i complimenti per il cinismo. Occhio però a non esaltarsi per una netta vittoria in un turno infrasettimanale. L’obiettivo della banda di Alvini rimane la salvezza e una partita non può cambiare completamente l’umore e le ambizioni. La notte di Cremona rappresenta comunque una tappa importantissima del percorso biancorosso.

Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Dai quotidiani locali - La strategia è valorizzare, patrimonializzare, creare identità e prospettive future. Contratti...
Dai quotidiani locali - Bartolomei e Agosti a pieno ritmo, la settimana prossima toccherà a...
Tagliandi disponibili in modalità online e presso le ricevitorie abilitate Ticketone...

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...