Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Calciomercato

Grifo, Vulic a titolo definitivo: l’identikit

Dai quotidiani locali: vertice basso strutturato e tecnico, figlio d’arte, ama la poesia, ha già segnato in Champions e ha reso meglio in A che in B

Pare che il Perugia lo avesse bloccato già da qualche giorno. Il riferimento è per il vertice basso di centrocampo da regalare a Castori, strappato alla concorrenza di Parma, Modena e Cagliari, il 25enne serbo Milos Vulic, un giocatore da rigenerare ma con un ‘pedigree’ di grande livello. Lo scrivono i quotidiani locali, Il Messaggero, La Nazione e Il Corriere dell’Umbria che tracciano il ritratto del neogrifone che arriverà a titolo definitivo e sarà ufficializzato nelle prossime ore.

Cresciuto nel Napredac, Vulic due anni fa arrivò a Crotone per la Serie A direttamente dalla Stella Rossa di Belgrado, la Juventus di Serbia, con cui aveva vinto due titoli consecutivi, conquistato la Nazionale e disputato anche 4 partite (con 1 gol all’Olympiakos) in Champions League, pagato allora qualcosa come 1,6 milioni di euro. La parabola del Crotone negli ultimi due campionati è nota: doppia retrocessione e le ottime doti di Vulic si sono viste a sprazzi soprattutto durante le 25 presenze in A (con 1 gol), meno nelle 19 della passata stagione in B.

Figlio d’arte (il padre era calciatore), Vulic ama scrivere poesie e le letture impegnate. E’ un destro naturale dotato di ottima tecnica, fisico imponente (1,83 per 74 chili), nasce mezzala, trequarti o anche ala destra ma nel tempo arretra in mediana e diventa il classico vertice basso davanti alla difesa capace di interdire e costruire giocando a testa alta. Rispetto a Burrai, del quale prenderà il posto nello scacchiere biancorosso, tutto un altro giocatore, più strutturato e difensivo anche se in patria ha spesso mostrato doti da assistman, sui piazzati e dalla distanza segnando gol di pregevole fattura.

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Arriva la settimana degli acquisti: cosa serve al Perugia?

Ultimo commento: "Qualcuno lontano da Perugia"

Grifo, il Pagellone di fine anno: che voto a Lisi?

Ultimo commento: "scusate l intrusione ma non si puo sentire che lisi non e un giocatore io sono di pisa e vi posso garantire che da noi a fatto la differenza forse..."

SONDAGGIO: Gong sul mercato di gennaio. Che voto al Perugia?

Ultimo commento: "Cari amici leccesi uno scarso nel vostro attacco si vede troppo ma nel nostro neanche si nota"

Pallone d’Oro biancorosso 2021: il vincitore è Salvatore Burrai

Ultimo commento: "Quindi Burrai è risultato più decisivo di Angella tra l'anno scorso e questo girone di andata. Complimenti"
Advertisement

I Miti biancorossi

Il 'Tigre' di Perugia

Antonio Ceccarini

Il bomber perugino campione d'Europa

Fabrizio Ravanelli

Il 'Condor' biancorosso

Franco Vannini

Il profeta di Perugia

Giovanni Galeone

Lo storico allenatore biancorosso

Guido Mazzetti

Il principe del Sol Levante

Hidetoshi Nakata

L'allenatore del Perugia dei 'miracoli'

Ilario Castagner

Il Lord capitano del Perugia dei miracoli

Pierluigi Frosio

L'uomo-simbolo del Perugia

Renato Curi

L'uomo che apparteneva al fiume

Serse Cosmi

Altro da Calciomercato