Resta in contatto

News

I numeri di Cosenza-Perugia: quante palle perse dai grifoni

Le statistiche evidenziano le difficoltà della squadra di Nesta ma anche l’aumento della pericolosità nella seconda parte della gara che ha fissato il finale sul più giusto 1-1.

I numeri ci spiegano che il Grifo visto a Cosenza, in un mare di difficoltà, ha meritato il pareggio. Certo è che la ripresa di carattere e qualità ha riequilibrato la situazione. Nel finale la squadra di Nesta (con la difesa a quattro) è stata anche vicina al sorpasso vista la supremazia territoriale. Nella prima frazione non ci sarebbe stato bisogno nemmeno delle statistiche per capire che l’aggressività degli uomini di Braglia, insieme al terreno di gioco pasticciato e le scorie da doppia sconfitta hanno portato a una gran quantità di palle perse dal Perugia. A fine partita sono state 66, contro le 49 del Cosenza. È ancora questo il limite più grande della formazione di Nesta. Meglio i padroni di casa anche per palle recuperate (30 rispetto alle 23 biancorosse). Per il resto il Grifo, nei numeri, ha certificato una parziale superiorità con 6 tiri contro 4, dei quali 4 nello specchio (2 i calabresi). Oltre a un paio di minuti in più di possesso palla.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] dei grifoni di Nesta su due fronti. Lucidità e aggressività. Nella trasferta di Cosenza il numero enorme di palle perse aveva certificato i tanti errori e la grande difficoltà dei biancorossi di costruire una manovra […]

trackback

[…] staff tecnico del Perugia può cavalcare la netta virata che ha portato a riequilibrare la gara di Cosenza. Alla ripresa della preparazione, in vista del match di sabato al Curi contro il Venezia, sono […]

Advertisement

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Ragazzi, con tutto il rispetto per voi ma... Il Gale è Pescara. Pescara è il Gale. Gale e Profeta, sostantivi coniati da noi.... In bocca al lupo..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "15 anni le prime sigarette in curva nord.. Tu segnavi in serie c... Sotto militare facevi vincere i gobbi la champions... Poi torni e per poco non ci..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Ero in curva nord quel giorno indimenticabile, avevo 15 anni, con papà e mamma, che non ci sono più, mio fratello, i miei zii. L'immagine di Antonio..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Grande allenatore mi ricordo un'amichevole con la ternana al primo campo intitolato al grande Renato Curi quello di Baschi (Tr) ma non..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News