Resta in contatto

News

Palermo shock alla vigilia di Perugia: “Non sappiamo in che mani siamo”

Il difensore rosanero Bellusci è un fiume in piena dopo il posticipo pareggiato con il Foggia e i fischi ricevuti dai tifosi.

Il Palermo è in un mare di… dubbi. Il caos societario ha già messo più che una incognita sul futuro, il presente è però la sfida di sabato al Curi contro il Perugia. Dopo il match pareggiato ieri con il Foggia, Calciorosanero.it  riporta nelle parole di Bellusci tutte le problematiche della formazione siciliana.

“Chiedo scusa per i modi che ho avuto a fine partita – ha detto Bellusci – ma non nel pensiero. Non meritavamo i fischi questa sera in una partita che abbiamo giocato per 75 minuti nella loro metà campo e li abbiamo surclassati, se la sblocchiamo possiamo anche vincere 5-0. In questo momento non sappiamo in mano a chi stiamo e al momento mentalmente siamo fragili per le circostanze legate alle condizioni societarie. Non abbiamo garanzie di nessun tipo e ci sono sono mister Stellone e il direttore Foschi che ci stanno proteggendo da tutto e da tutti. Siamo da soli. Credo che dopo una prestazione del genere vanno fatti i complimenti a questa squadra. Ci dovete aiutare perché siamo soli, dobbiamo essere uniti perché altrimenti rischiamo di fare ancora più fatica“.

Il tecnico Stellone ha anche svelato che il difensore rosanero ha pianto e negli spogliatoio per la situazione in cui si ritrova coinvolto insieme ai suoi compagni di squadra. “Ci potete fischiare a Cremona – ha spiegato ancora Bellusci rivolto ai tifosi -, dove abbiamo steccato la partita mentalmente, tatticamente e tecnicamente o per i 60 minuti di Salerno, ma oggi non lo tollero. E’ una squadra che ha dato tutto, che ha avuto i crampi, avremo fatto 40 km a giocatore: questo significa cuore e amor proprio, voglia di vincere nonostante non ci sia una garanzia. Bisogna aspettare il 15 per gli stipendi, la gente dice che finché prendiamo gli stipendi possiamo stare tranquilli ma non è così. Il futuro e la prospettiva quali sono? Non mi interessa prendere lo stipendio il 15. Mi chiedo che futuro c’è? Di chi siamo?“.

 

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] più 3 pareggi). Come dire che in questa delicatissima fase che sta vivendo, come certifica lo sfogo di Bellusci dopo i fischi di lunedì sera, per il Palermo giocare lontano da casa è un po’ un toccasana. […]

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Okkio e orekkio questa è la squadra peggiore da affrontare xké è più forte di noi e più incazzata

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

70 milioni di debiti va considerata gia fuori campionato , scalare tutte le posizioni in classifica , va solo vinta la partita come ostacolo

Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grandissimo giocatore un mito per noi perugini, non ce n'era per nessuno quando in quei tempi c erano veramente CAMPIONI, GRANDE TIGRE, .GRAZIE ..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Come non fidarsi del tuo esimio parere. Pare che una volta a casa abbia chiamato i figli e abbia detto loro: studiate, impegnatevi, sacrificatevi e..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News