Sito appartenente al Network

Oddo, il Perugia (e Grosso) nel destino: quel mancato incrocio alla Renato Curi

Il nuovo allenatore del Grifo ha cominciato a giocare a calcio in una squadra abruzzese che porta il nome del grande centrocampista biancorosso.

Fino al 1977 si chiamava Angolana: era una società di calcio operativa a Città Sant’Angelo, comune di 15mila abitanti che si trova in Abruzzo, nel Pescarese. L’anno successivo, sull’onda emotiva della morte di Renato Curi, cambiò nome in “Renato Curi Angolana”.

Massimo Oddo era nato da poco – aveva due anni – quando nacque la Renato Curi. Dopo 15 anni, nel 1992, si ritrovò a farne parte e da lì spiccò il volo verso il calcio che conta, passando alle giovanili del Milan, che lo prese nel 1993, lo perse nel 2000 e poi lo riacquistò nel 2007, da campione del mondo.

Curiosità: un anno dopo l’addio di Oddo, nel 1994, alla Renato Curi arrivò un altro ragazzino dalle belle speranze. Si chiamava Fabio Grosso. E dopo 12 anni avrebbe festeggiato con Oddo il titolo di campione del mondo a Berlino. E proprio l’esplosione di Grosso relegò Oddo ad un ruolo marginale: fu inserito come terzino sinistro e Zambrotta spostato a destra, togliendo spazio proprio a Oddo.

I due si sono ritrovati dopo altri 13 anni a contendersi la panchina del Perugia. E stavolta ha vinto Oddo.

Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Da La Nazione: Perugia addirittura secondo nei primi tempi, all'inizio dei secondi tempi subisce troppo...
La statistica evidenziata da Il Messaggero, che sottolinea la necessità assoluta di restare attaccati al...
Nei tre campionati professionistici italiani soltanto il Bari e l'Audace Cerignola hanno pareggiato più del...

Dal Network

Il tecnico biancazzurro nel post gara: ‘Il secondo gol ci ha tagliato un po’ le...

Il tecnico spallino ne ha convocati 26 per il match dello stadio ‘Mazza’ Lo staff...

Il tecnico giallorosso amareggiato per l’ennesima sconfitta: “Qui c’è qualcuno che non ama la maglia...