Resta in contatto

Approfondimenti

Grifo, la Coppa Italia ti regala il ‘tour de force’

La partita di Sassuolo capiterà esattamente nel mezzo della settimana del doppio turno casalingo di campionato contro Pescara e Cosenza. Opinabile la formula di una manifestazione che favorisce… le favorite

Diciamolo subito: vincere aiuta a vincere e il colpaccio messo a segno domenica sera in Coppa Italia dal Perugia contro il Brescia grazie ai gol firmati in rimonta da Melchiorri e Buonaiuto, contribuisce in maniera significativa a regalare una forte iniezione di entusiasmo ad una squadra, quella di Massimo Oddo, che si trova appena all’inizio di una stagione lunga e impegnativa.

Ecco perché la Coppa in questo senso è propedeutica. Quantomeno opinabile sembra invece la formula di questa manifestazione, che pone le squadre favorite poiché potenzialmente più forti o di categoria superiore, nella condizione di affrontare le avversarie tra le mura amiche, togliendo tra l’altro la possibilità alle avversarie di un incasso importante. Il Perugia ha potuto scongiurare questo problema contro il Brescia soltanto a causa dell’inagibilità dello stadio ‘Rigamonti’, ma altrettanto non avverrà in occasione della trasferta in programma il 4 dicembre in casa del Sassuolo.

Caso vuole che quella sfida vada a cadere proprio nel bel mezzo del doppio turno casalingo di campionato, prima partita sabato 30 novembre contro il Pescara, seconda sabato 7 dicembre contro il Cosenza, in entrambe le occasioni allo stadio ‘Curi’. Ebbene, Sassuolo-Perugia sarà giocata mercoledì 4. Per poter sfruttare al meglio il delicato importantissimo doppio turno casalingo il Perugia avrebbe potuto prepararsi continuativamente per sette giorni sempre nel capoluogo umbro, invece nel bel mezzo di quella settimana dovrà fare armi e bagagli per affrontare una lunga trasferta fino a Sassuolo. Senza contare il fatto che in casa della squadra di De Zerbi necessariamente Oddo dovrà anche fare un po’ di turnover, visto il ‘tour de force’ dei tre impegni ravvicinati in otto giorni.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Persona speciale."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Gugliemo Vicario è un talento, per capacità di concentrazione, continuità, attaccamento e professionalità. Complimenti."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grande Tigre..Grande Uomo...Grande Calciatore. Antonio Ceccarini da Sant'Angelo in Vado....con Ramaccioni che lo portò a Città di Castello...per..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da Approfondimenti