Resta in contatto

News

Grifo, Oddo sullo sfogo del bomber: “Ho parlato con Iemmello da amico…”

Conferenza stampa della vigilia per il tecnico del Perugia che attende il Frosinone dell’amico e collega Nesta. “Lo spogliatoio è fantastico, ci sono persone e ognuna ha il proprio carattere”.

Gli esami non finiscono mai ma il match tra Perugia e Frosinone è più esame degli altri. Sul fronte ciociaro c’è l’ex Nesta con soli 4 punti (“Ma non siamo in alto mare, ha detto), il Grifo ha una classifica più solida con due vittorie e due pareggi ma cerca ancora risposte dopo il pari in extremis di La Spezia. “Abbiamo cercato di sfruttare al meglio il poco tempo a disposizione per far apprendere alla squadra i pochi concetti che si vogliono per questa partita. Qualcosa cambieremo – ha detto Oddo – perché ogni gara è una storia diversa, gli interpreti per questo possono essere diversi in base a ciò che pensa sia meglio l’allenatore per un certo tipo di partita”.

Oddo ha fatto una panoramica sulla gestione dell’organico ricco di stelle, in riferimento alle dichiarazioni di Iemmello dopo il piccolo-grande sfogo post Spezia. “Dal punto di vista piscologico è difficilissimo per un allenatore gestire il gruppo perché ognuno ha una testa diversa, ma non mi spaventa perché sono stato calciatore e comprendo lo stato d’animo di tutti. Parlo poco con chi gioca e molto con chi resta fuori”.

“Credo sia impossibile che ci sia un giocatore contento di non giocare. Nel rispetto di tutti bisogna accettare le scelte. Non significa che non bisogna essere arrabbiati – ha detto Oddo – ma trasformare la rabbia in arma positiva come ha fatto Pietro facendo gol. A volte un allenatore può prendersi qualche rischio, tenendo fuori un giocatore che ha fatto 3 gol in 3 gare, ma per il bene della squadra. Ho parlato con lui da amico spiegando che per me bisogna gestire meglio certe situaizoni, altrimenti creano solo caos. E soprattutto ci vuole rispetto, non tanto per l’allenatore ma per i compagni. Il confronto è stato sereno e non c’è nessun problema”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] aiuta perché porta via un difensore”. Lo sfogo post panchina a La Spezia è alle spalle. “Tutto chiarito, ho sempre giocato e non posso lamentarmi”. Per Iemmello “De Zerbi è un allenatore, un padre, […]

trackback

[…] consueto rebus in avanti si dovrebbe sciogliere con il ritorno di Iemmello fra i titolari (il messaggio di Oddo) mentre Falcinelli può rifiatare. Conferma di Buonaiuto sulla trequarti più il ballottaggio a 3 […]

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

facciamo risultato pieno domani sera…. iemmello se si ritiene utile che giochi altrimenti panchina… decide il tecnico che poi si assume le responsabilità delle sue scelte

Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."
Advertisement

Altro da News