Resta in contatto

BiancoRosso - Il Personaggio

Iemmello guarda lontano: “Perugia e Oddo meritano la Serie A…”

L’attaccante biancorosso è il simbolo dell’avvio di campionato del Grifo e crede nella costruzione di una stagione da ricordare: “La promozione può arrivare dopo tanto tempo perché c’è un progetto importante”.

Pietro Iemmello, l’uomo e il bomber del momento, a Perugia e in Serie B, si è raccontato alla Gazzetta dello Sport. Con 7 reti (in 7 giornate) sulle 9 dei grifoni ha lasciato poco spazio ai compagni sotto porta ma “è solo un caso, presto arriveranno anche i gol di centrocampisti e difensori”.

Il rapporto con il tecnico e anche quello un po’ burrascoso, in carriera, con diverse tifoserie, sono i temi caldi dell’intervista al centravanti del Grifo. Iemmello è stato fischiato a Benevento e La Spezia e a Foggia gli hanno bruciato l’auto. “A Benevento non c’è mai stato feeling, a La Spezia volevano che restassi ma non avrei avuto spazio e ho preferito andare in A con il Sassuolo. A Foggia avevo fatto benissimo in C1 ma quello era una momento particolare, volevano colpire me e la società e io ero uno dei pochi rimasti in città dopo il derby con il Lecce. Ero il simbolo, non credo ci fosse niente di personale”. Con il Foggia fece anche arrabbiare i tifosi del Cosenza. “Perché ho sangue giallorosso, non dimentico le origini (Catanzaro, ndr). A volte me le vado a cercare…”

Il ruolo, nello scacchiere biancorosso di Oddo, è variabile. “Al mister piace cambiare anche durante la partita. Certo, avere un altro attaccante vicino aiuta perché porta via un difensore”. Lo sfogo post panchina a La Spezia è alle spalle. “Tutto chiarito, ho sempre giocato e non posso lamentarmi”. Per Iemmello De Zerbi è un allenatore, un padre, un amico. Mi ha voluto a tutti i costi a Foggia e mi ha permesso di fare il salto di qualità. Oddo ha la stessa idea di calcio, propositivo e offensivo. Anche Oddo merita la A, è giovane e bravo a proporre nuove idee”.

“A Perugia la massima serie manca da troppo tempo – ha concluso Iemmello – ma può arrivare perché c’è un progetto importante. La città lo merita, il tifo è caldo. Serve anche un po’ di fortuna, questo è un campionato più equilibrato del solito”.

5 Commenti

5
Lascia un commento

avatar
5 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…] con tutto un altro score. Dei 9 gol realizzati fin qui ben 7 sono di Pietro Iemmello e valgono 13 dei 14 punti del Perugia in classifica. Gli altri due marcatori biancorossi sono Buonaiuto e […]

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Forza Re Pietro portaci in serie A a suon di goal.

trackback

[…] Iemmello guarda lontano: “Perugia e Oddo meritano la Serie A…” […]

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

grandissimo re pietro….!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

No dai anche Meno !!!

Advertisement

Serse Cosmi: le imprese del Grifo con l’uomo del fiume

Ultimo commento: "quanto farebbe comodo adesso!!"

Il Grifo di Franco Vannini, i giorni del ‘Condor’

Ultimo commento: "Risalgo al campionato della promozione in serie A, con Castagner alla guida...."

Renato e Perugia: una città, una squadra, uno stadio e il suo uomo-simbolo

Ultimo commento: "Del povero Renato il suo straordinario senso tattico e la padronanza dei fondamentali del calcio unite ad una attenta visione geometrica del gioco a..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "[…] Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli […]"

Video eccezionale: Il Grifo e la lungimiranza di D’Attoma

Ultimo commento: "[…] Video eccezionale: Il Grifo e la lungimiranza di D’Attoma […]"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da BiancoRosso - Il Personaggio