Resta in contatto

Approfondimenti

Grifo a Napoli: il tabù partenopeo di Cosmi

Il Perugia torna ad assaporare il fascino del grande calcio nella sfida di martedì in Coppa Italia al San Paolo e l’allenatore biancorosso ha una tradizione negativa: gli azzurri sono la bestia nera di Serse

Mai banale la carriera di Serse Cosmi come mai banali sono gli intrecci tra l’allenatore perugino e il calcio napoletano. “Voglio andare a giocarmela anche al San Paolo, le parole della guida biancorossa durante la presentazione ufficiale della scorsa settimana. Perché la storia dell'”uomo del fiume” sulla panchina del Grifo ricomincia proprio da Napoli, martedì 14 gennaio, negli ottavi di Coppa Italia. E per Serse, oltre alla carica del nuovo debutto, c’è anche il tabù partenopeo da sfatare.

Il tecnico del Perugia, infatti, non ha mai battuto il Napoli. Ed è l’unica squadra, affrontata almeno 4 volte in carriera, che Cosmi non ha ancora superato. E pensare che Serse ha vinto 4 volte contro la Juventus, 5 contro il Milan, 5 con la Roma e 3 con l’Inter.

Da allenatore del Grifo ha affrontato due volte il Napoli in Serie A nella stagione 2000-01. Pareggio per 1-1 all’andata al Curi con vantaggio azzurro di Amoruso e firma biancorossa di Materazzi. Finì 0-0 la gara di ritorno a Napoli. La storia di Serse si è poi intrecciata anche a doppio filo con quella napoletana quando Luciano Gaucci, nel 2004, fu molto vicino a rilevare il club partenopeo. Tutto andò a monte e Cosmi tornò ad affrontare il Napoli da avversario 3 volte, uscendo sempre sconfitto: alla guida del Brescia in B (0-1, nel 2006-07) e in Serie A con Livorno (0-2, nel 2009-10) e Lecce (0-2, nel 2011-12).

In cinque precedenti, dunque, l’allenatore perugino ha raccolto due pareggi e tre sconfitte. Il Napoli è la vera bestia nera di Serse. Di certo oggi il gap tecnico tra il Grifo e i partenopei dell’ex Gattuso è abissale. Ma nel calcio non sempre vince il più forte, sopratutto in una partita secca. E poi anche Cosmi starà pensando che: c’è sempre una prima volta…

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Come non fidarsi del tuo esimio parere. Pare che una volta a casa abbia chiamato i figli e abbia detto loro: studiate, impegnatevi, sacrificatevi e..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "io abitavo a Elce in via Torelli e Cecca era mio vicino di casa. ricordo un uomo vero in campo e fuori sempre rispettoso e disponibile un calcio d'..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da Approfondimenti