Resta in contatto

News

Perugia bucato da Rohden, il Frosinone vince e scappa

Partita equilibrata allo Stirpe decisa da un gol del centrocampista di Nesta a metà ripresa. Grifo solido fino al brutto infortunio di Gyomber, con poche idee in fase offensiva e ora fuori dai play off. I ciociari firmano il quarto 1-0 consecutivo

Un passo in avanti sul piano dell’intensità e della compattezza non si è tradotto in punti in classifica. Dopo il brutto ko interno con lo Spezia, il Perugia è caduto a Frosinone (1-0) rimandendo ancora a bocca asciutta.

Le due squadre si sono imbrigliate e annullare per buona parte del match, decisiva la solidità estrema della formazione di Nesta (oltre 400′ senza gol subiti) e la palla inattiva sfruttata da Rohden, al secondo centro consecutivo. Cosmi ha cambiato 5 pedine rispetto all’ultimo match al Curi ma è rimasto ancora a secco di gol.

La chiave del match

Primo tempo con parecchi sbadigli allo Stirpe. Con assetti speculari (3-5-2) la chiave sono i duelli individuali, in particolare in mezzo al campo, e la funzionalità delle catene esterne. E, con pochi spazi e manovre affogate, decisive possono diventare le palle inattive. Kranijc ha sfiorato il bersaglio con un colpo di testa su corner, l’unica palla buona per il Grifo l’ha calciata male Iemmello.
Grandi ritmi nella ripresa e le due squadre hanno continuato a sbattere contro i rispettivi muri. Il brutto infortunio al ginocchio di Gyomber (53′) ha però stordito il Perugia e Novakovich (entrato nel primo tempo per il ko di Ciano) ha sparato un bolide dai 20 metri che Vicario ha deviato in angolo. Sugli sviluppi dell’ennesimo corner il Frosinone è passato con una girata di destro di Rohden. La reazione dei grifoni si è tradotta in parecchia confusione, nonostante la spinta dei 400 tifosi al seguito. Il muro di Nesta ha retto ancora e il Frosinone ha firmato il quarto 1-0 consecutivo.

Occhio agli specchietti

Il Perugia era costretto a vincere per rimanere nel vagone play off del treno che porta in Serie A, ora invece è a -2 (Entella). Scappano via Spezia e Frosinone, le ultime due giustiziere di Cosmi, seconde in classifica con 7 punti in più dei biancorossi. E per il Grifo, con la sfida contro l’Empoli in fondo alla settimana, c’è da guardare anche gli specchietti retrovisori (play out a +5).

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Siamo stati tutti contenti, o quasi, del ritorno di Serse, ma ora vogliamo vedere qualcosa di concreto, basta figure barbine, abbiamo un attacco da invidia e non tiriamo mai, Falcinelli sembra un ex giocatore ecc ecc. Cosmi, è ora che ci svegliamo!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Che schifo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Allenatore confuso e giocatori inguardabili

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Se perdi con una squadra senza 6 titolari, Ardemagni e senza Ciano, il migliore, per 60 minuti, con tre miracoli di Vicario e senza praticamente fare un tiro nello specchio della porta in 90 minuti, ogni commento tecnico è superfluo.
La squadra non esiste.

Roby72
Roby72
3 mesi fa

Pensiamo a salvarci prima possibile e finiamo un altro campionato mediocre con giocatori mediocri

Michele
Michele
3 mesi fa

Squadra senza cuore e senza nerbo.

Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grandissimo giocatore un mito per noi perugini, non ce n'era per nessuno quando in quei tempi c erano veramente CAMPIONI, GRANDE TIGRE, .GRAZIE ..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Come non fidarsi del tuo esimio parere. Pare che una volta a casa abbia chiamato i figli e abbia detto loro: studiate, impegnatevi, sacrificatevi e..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News