Resta in contatto

News

Perugia, Falcinelli si guarda allo specchio: “Troppo tempo per calarmi di nuovo nella B”

L’attaccante perugino, dall’isolamento in famiglia per l’emergenza sanitaria, fa una lista di obiettivi: “Il primo è rimanere in casa fino a quando ci diranno che è necessario. Cosa mi è mancato finora?”

Se anche il pallone si è fermato, la situazione è seria davvero. Per questo il Perugia, attraverso i propri simboli, continua ad invitare tutti i cittadini a seguire le disposizioni del Governo per battere il Coronavirus“È dura parlare di calcio anche con i miei ex compagni che sento in questi giorni – dice Diego Falcinelli dal suo divano, abbracciato ai suoi cari –. Pensiamo alla famiglia”.

“Il primo obiettivo, ora, è rimanere in casa. Voglio appellarmi ai meno responsabili – aggiunge l’attaccante perugino –: non serve andare a correre, in bicicletta o a fare una camminata. Può capitare a tutti di prendere il virus, se ci chiedono di stare in casa due, tre o quattro settimane, dobbiamo farlo”.

“Speriamo che le decisioni vengano prese pensando prima alla salute di tutti, poi quando ci diranno di tornare ad allenarci lo faremo. Non sarebbe di certo un problema saltare le ferie estive”.

Falcinelli, a bocce ferme, fa anche un mini bilancio personale di una stagione fin qui sottotono. “Mi è mancato un po’ tutto finora. Non pensavo di avere bisogno di tutto questo tempo per calarmi mentalmente di nuovo in un campionato con così tanto agonismo come la Serie B. Ma ero rimasto a lungo senza giocare e mi sono mancate le sensazioni del campo, della partita vera”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Grande Diego …..!!!!.sei speciale……⚽️😘

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 mesi fa

Fortuna che l’ammette…troppo tempo..veramente troppo…💪

Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grandissimo giocatore un mito per noi perugini, non ce n'era per nessuno quando in quei tempi c erano veramente CAMPIONI, GRANDE TIGRE, .GRAZIE ..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Come non fidarsi del tuo esimio parere. Pare che una volta a casa abbia chiamato i figli e abbia detto loro: studiate, impegnatevi, sacrificatevi e..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News