Resta in contatto

News

La tifoseria del Grifo con l’Internazionale delle curve: “Stop al calcio”

Sono 350 i gruppi ultras di tutta Europa che hanno firmato un documento contro la ripartenza “finché non si può tornare allo stadio. Non è solo business, non c’è calcio senza tifosi”

La Curva Nord ha preso una posizione chiarissima nei giorni scorsi. Gli ultras del Perugia vogliono che il calcio “faccia un passo indietro”. E, in questa fase di emergenza, lo stesso grido arriva da tutta Europa.

La tifoseria organizzata del Perugia ha sottoscritto – unita sotto la firma Curva Nord – uno storico documento di protesta al quale hanno aderito 350 gruppi di tutta Europa: da Bergamo a Brescia, da Genova a Napoli, da Torino a Salerno, passando per le spagnole di Real Madrid, Valencia, Siviglia, le francesi di Olympique Marsiglia, Nantes e Metz, fino agli ultrà tedeschi di Bayern Monaco, Kaiserslautern, Stoccarda, e ai belgi di Liegi e Anderlecht. Ci sono anche alcune tifoserie italiane di basket e di hockey.

Gli ultras di tutta Europa spiegano che “coloro che gestiscono il calcio fin da subito hanno avuto l’unico obiettivo di ripartire. Ma in campo andrebbero solo ed esclusivamente gli interessi”.

“Ci è più che lecito pensare – è scritto nel documento – che, ancora una volta, la supremazia del denaro vada a calpestare i valori della vita umana. Non c’è calcio senza i tifosi. E non può essere solo un’industria, con le società tenute in scacco dalle pay-tv. Business e interessi personali porteranno alla morte del calcio”. E ancora: “Tutta l’Europa è nella morsa del coronavirus, in questo momento l’obiettivo principale è la salute pubblica”.

“Il campionato non deve ripartire. No al calcio senza i tifosi. Chiediamo lo stop alle competizioniscrive l’Internazionale delle curve – finché tornare allo stadio non sarà un’abitudine priva di rischi per la salute collettiva”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Michele
Michele
6 mesi fa

Applausi!

Advertisement

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Io sono di parte perchè mia madre è la cugina....ma diciamo che la determinazione che ha avuto Fabrizio è stata una cosa fuori dal comune..mi..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Quando a Perugia dici Ilario hai detto tutto..... Una leggenda"

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Io non da perugino primo anno di università,in quella domenica fredda e piovosa al gol di cecca mi innamorai del grifo...."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Ragazzi, con tutto il rispetto per voi ma... Il Gale è Pescara. Pescara è il Gale. Gale e Profeta, sostantivi coniati da noi.... In bocca al lupo..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News