Resta in contatto

News

Santopadre alla D’Attoma: ‘Macchè torti, il Perugia chiede scusa agli arbitri per l’eccesso di nervi’

Chi si attendeva un Massimiliano Santopadre indiavolato per i torti arbitrali subiti dal Perugia nelle partite perse contro Cittadella e Pordenone, dovrà ricredersi. Anzi, il presidente del Grifo tira fuori una mossa ‘alla D’Attoma’. “Sono molto rammaricato per quello che è accaduto nel corso di tutta questa stagione – ha spiegato  a TuttoMercatoWeb -. Non capisco tutto questo nervosismo da parte della squadra e chiedo scusa io a nome di tutto il Perugia alla classe arbitrale. Sono incazzatissimo per quanto avventuro e per questo ho deciso di sanzionare ogni prossimo rosso dovuto alla proteste con una multa da diecimila euro valida sia per i calciatori che per lo staff tecnico e dirigenziale”.

Altro che arbitri, nel mirino ci vanno i tesserati biancorossi che si sono fatti trasportare dall’emotività finendo per compromettere una situazione già delicata aggiungendo squalifiche su squalifiche (Di Chiara, Goretti, Falzerano e Sgarbi sono solo gli ultimi di una fila da record) agli infortuni che impediscono alla squadra di giocare le partite al massimo delle potenzialità. Ma Santopadre si dimostra dirigente di spessore andando anche oltre.  “Quello che non vorrei adesso è che il Perugia sia vittima del pregiudizio. I ragazzi hanno sbagliato, ma credo che il club vada comunque rispettato. Siamo diventati antipatici ai direttori di gara e lo capisco, ma come presidente penso sia giusto che io tuteli un club e gli investimenti che sono stati fatti da eventuali errori. Abbiamo sbagliato tanto fin dall’inizio del campionato e io me ne assumo la piena e totale responsabilità. Adesso abbiamo sei gare davanti per salvare orgoglio e categoria. Il futuro di tecnico e dirigenza?  Non esiste futuro più pericoloso della prossima gara. Solo dopo potremo ragionare sulla prossima stagione con il chiaro obiettivo di rimediare agli errori commessi quest’anno”.

 

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "GAUCCI È STATO IL PIÙ GRANDE DI TUTTI."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da News