Resta in contatto

News

Road to play out: Grifo, Oddo ne recupera due ma ha molte scelte obbligate

Melchiorri e Buonaiuto potrebbero partire dalla panchina lunedì sera all’Adriatico contro il Pescara. Due i ballottaggi per il tecnico biancorosso nella formazione iniziale: Rosi-Falasco e Dragomir-Kouan

Con il Perugia in ritiro e dunque rigorosamente blindato, in questi giorni si è parlato pochissimo della possibile formazione da opporre al Pescara nel match di andata dei playout in programma all’Adriatico lunedì (ore 21). E se pretattica e segretezza sono più che legittimi alla luce dell’importanza della posta in palio, è altrettanto vero che l’organico biancorosso è molto più ridotto rispetto a prima e la maggior parte delle scelte per Massimo Oddo sembrano davvero obbligate.

Iniziamo a dire che da sabato lavorano a Cascia anche i tre infortunati Melchiorri, Buonaiuto e Di Chiara, che nei giorni precedenti sono invece stati a Cesena, con il permesso della società, a curare i rispettivi acciacchi. Un’idea che ha funzionato, visto che se Di Chiara continua a mettere nel mirino la partita di ritorno in programma il 14 al Renato Curi, intanto gli altri due dovrebbero essere convocati per la gara di lunedì sera. Beninteso, entrambi – Melchiorri e Buonaiuto – non hanno l’autonomia necessaria per partire dall’inizio e con ogni probabilità inizieranno in panchina. Comunque una buona notizia per Oddo che per il resto ha scelte abbastanza risicate.

In porta toccherà naturalmente a Vicario; nella difesa rigorosamente a quattro il ballottaggio principale sembra quello tra Rosi e Falasco. Dovesse giocare il primo nel ruolo di terzino destro, allora Mazzocchi si muoverebbe a sinistra. Viceversa, dovesse toccare a Mazzocchi partire a destra, allora sulla fascia mancina ci sarebbe Falasco; coppia centrale alla luce della partenza di Rajkovic e della squalifica di Angella – con ogni probabilità composta da Gyomber e Sgarbi. A centrocampo Oddo potrebbe dare spazio al trio più rodato, quello composto da Falzerano, Carraro e Dragomir. Il dubbio riguarda proprio il giovane rumeno, in questa stagione davvero incostante nel rendimento e considerabile in ballottaggio con Kouan, pronto a dare corsa e sostanza. Fuori dai giochi almeno dall’inizio potrebbe essere invece il giovane Nicolussi Caviglia, che ha però i colpi per essere importante anche a gara in corso.

E siamo all’attacco. Con Melchiorri e Buonaiuto a mezzo servizio, le scelte sembrano anche qui abbastanza obbligate: Capone (che all’andata fu decisivo) dovrebbe muoversi con Falcinelli alle spalle di Iemmello.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Bruno
Bruno
11 mesi fa

Oggi è S.Lorenzo patrono di Perugia provamoke tutte ,esprimiamo un desiderio

Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."
Advertisement

Altro da News