Resta in contatto

News

Perugia-Pescara, al Gale si spezza il cuore: ‘In ogni caso sarà un dolore’

Il quotidiano abruzzese ‘Il Centro’ ha intervistato il grande doppio ex: ‘Con Vicario e Iemmello è impossibile retrocedere, inaccettabile vedere le due squadre in una situazione del genere. Al Grifo stavolta hanno fatto disastri. E Oddo…’

Non andate a dire a Giovanni Galeone che in B ci sono i play out tra Perugia e Pescara. Il Profeta ha lasciato un’impronta indelebile sia in biancazzurro che in biancorosso, vincendo campionati e soprattutto trasmettendo una mentalità vincente alle piazze e alle società. Alla vigilia di questo scontro fratricida, il maestro ha rilasciato delle dichiarazioni dolorosissime al quotidiano ‘Il Centro’ di Pescara.

Pescara è mia, la adoro, però non potrei mai gioire per la retrocessione del Perugia. Comunque vada, a fine partita piangerò – ha detto Galeone -. È inaccettabile vedere una delle due in serie C. Pur con qualche criticità, entrambe hanno organici validi e avrebbero dovuto lottare quantomeno per un posto nella griglia play off. Se il Pescara giocherà con la paura perderà la partita. Quello che so è che alla fine del match starò male e piangerò per un verdetto inaccettabile. I tifosi pescaresi mi capiranno, Pescara è mia, la amo, però non potrei mai esultare per la retrocessione dei biancorossi. Anche a Perugia ho vissuto emozioni forti e ci sono tantissime persone che mi vogliono bene”.

Questo è poco ma è sicuro. Il Gale, solo per dirne una, è stato allenatore di Goretti e conosce vita, morte e miracoli di entrambe le squadre. “A Perugia hanno fatto disastri peggiori rispetto a quelli del Pescara. Nel girone di andata con Massimo Oddo sono sempre rimasti in zona play off, ma la qualità del gioco era scadente. Ho visto il Perugia in varie occasioni, una squadra senza identità. Ho avuto l’impressione che giocasse sempre in funzione dell’avversario, lo studiava e si adattava, non mi ha mai convinto. Poi è arrivato Serse Cosmi, che la società non voleva ingaggiare, invece lo ha preso e la situazione è peggiorata. A tre giornate dalla fine hanno contattato altri tecnici (Novellino e Colantuono, ndr) salvo poi richiamare Oddo non so per quale motivo, visto che c’erano stati problemi. Ed ecco qui i risultati”.

A me il suo Pescara piaceva per davvero, giocava benissimo, mi entusiasmava. Poi Oddo ha avuto qualche esperienza deludente, ad esempio in A a Udine dove l’ho seguito. Ho l’impressione che nei momenti di difficoltà perda un po’ di sicurezza. Lo testimoniano i cambiamenti operati in corsa sia a Udine che a Perugia. Quando inizi a variare l’assetto tattico sperimentando soluzioni alternative, i giocatori se ne accorgono e cominciano a sorgere i dubbi. Tornando al Perugia, aggiungo che è assurdo ritrovarsi in queste condizioni avendo in rosa Guglielmo Vicario, che reputo tra i primi 5 portieri d’Italia, e un bomber come Pietro Iemmello che ha segnato 19 reti. Il Perugia è forte e non dovrebbe stare così in basso, così come il Delfino”.

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Mister..su vicario so d’accordo ma iemmello è retrocesso anche l’anno scorso

Francesco
Francesco
1 mese fa

Analisi lucida , come spesso gli capita di fare da esperto ed acuto uomo di campo e fine psicologo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Galeò ..Galeò….gale gale gale gale Galeòòò

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Profeta ❤

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

tiello stretto Oddo ma per le p…..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Dovevano prendere il Gale per le due partite lui le avrebbe vinte tutte e due 😉

Orano Sdolzini
os
1 mese fa

è sempre un piacere ascoltare le tue interviste mister

Advertisement

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Ragazzi, con tutto il rispetto per voi ma... Il Gale è Pescara. Pescara è il Gale. Gale e Profeta, sostantivi coniati da noi.... In bocca al lupo..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "15 anni le prime sigarette in curva nord.. Tu segnavi in serie c... Sotto militare facevi vincere i gobbi la champions... Poi torni e per poco non ci..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Ero in curva nord quel giorno indimenticabile, avevo 15 anni, con papà e mamma, che non ci sono più, mio fratello, i miei zii. L'immagine di Antonio..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Grande allenatore mi ricordo un'amichevole con la ternana al primo campo intitolato al grande Renato Curi quello di Baschi (Tr) ma non..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News