Resta in contatto

News

La Fermana senza bomber contro il Perugia

L’attaccante Cognigni e il difensore Manetta saranno assenti per squalifica. La squadra marchigiana è partita a rilento con un solo punto ed un gol segnato in quattro partite, il tecnico Antonioli chiede solidità

Problemi per i gol subiti e per quelli segnati. La Fermana, il prossimo avversario in campionato del Perugia, arriva alla quinta giornata nell’ultima posizione della classifica. La squadra marchigiana ha segnato un solo gol e ne ha incassati sei portando a casa un bottino di un solo punto. Il Grifo affronterà, quindi, una squadra in grande difficoltà nella partita che si auspica essere quella della ripartenza dopo il pesantissimo risultato di Mantova.

La squadra marchigiana avrà due assenze importanti tra le proprie fila: domenica nella partita del Curi mancheranno sia Luca Cognigni, fin qua l’unico marcatore della stagione della Fermana, che Marco Manetta. Entrambi sono, infatti, squalificati: il puntero per “aver colpito volontariamente con una gomitata un avversario”, come si legge nel dispositivo del giudice, nel match contro il Padova ed il difensore per il rosso preso dalla panchina nel derby con la Sambenedettese. Per Manetta la Fermana ha presentato ricorso. Ma anche se la squalifica per tre giornate venisse scontata di una partita, il calciatore potrà rientrare soltanto contro il Gubbio, la partita successiva a quella con il Perugia.

Mauro Antonioli ha parlato all’inizio della settimana che porta alla partita contro il Perugia. Il tecnico della Fermana, come riportato da CronacheFermane.it, chiede ai suoi di “solidificare la fase di non possesso per limitare i gol al passivo”. Sul valore della rosa l’allenatore ha commentato: “Non mi nascondo e ripeto che c’è qualche problema. Molti ragazzi devono ancora crescere, ma deve tornare la Fermana al 110% con carattere e determinazione battagliera”

Foto dal sito ufficiale della Fermana

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."
Advertisement

Altro da News