Resta in contatto

News

Grifo, senti Antonioli: “Qualità singole e di squadra. Perugia costruito per vincere”

Il tecnico della Fermana ha parlato alla vigilia della partita che si giocherà al Curi. Sui grifoni: “Avranno voglia di cambiare il trend negativo”

“Nonostante la classifica del momento, il Perugia è costruito per vincere”. Mauro Antonioli, allenatore della Fermana, conosce bene il valore del club biancorosso e ne parla alla vigilia del match che si giocherà domenica alle 15 al Curi. “Vengono da due sconfitte e vorranno riscattare queste due prove non eccellenti- ha detto il tecnico- troveremo di fronte a noi grandi qualità singole e di squadra, ma anche un avversario carico agonisticamente e con voglia di cambiare il trend negativo”.

Antonioli chiede ai suoi però di concentrarsi prima su loro stessi e poi sugli avversari: “Più che il Perugia mi interessano i miei ragazzi. Devono diventare squadra il primo possibile ma al momento non concedere troppo agli avversari”. La settimana di lavoro dopo la sconfitta di Padova è andata bene e, come si legge nel sito della Fermana, l’allenatore è positivo per la sfida di domenica: “Ci siamo allenati bene anche se l’umore non può essere al meglio. Serve massima attenzione e dobbiamo essere fortunati e bravi, ne abbiamo bisogno per la classifica”. Quando gli viene chiesto quale aspetto teme di più del Perugia, Antonioli risponde: “Hanno una rosa talmente ampia che fai fatica a concentrarti su solo una caratteristica. Sono completi ed hanno tante varianti rispetto ai giocatori a disposizione in questo momento”

La Fermana giocherà la partita che vede il ritorno dei tifosi al Curi dopo 7 mesi. Affronterà domenica alle 15 contro il Perugia senza il bomber Cognigni e Manetta. Nel magazine settimanale del club marchigiano si legge: “Episodi e calendario difficile in avvio: ora ingraniamo la marcia. Tante cose negative che vanno in archivio, ora c’è un Perugia forte e ferito. Un’altra autentica battaglia con punti pesantissimi in palio”.

Foto dal sito ufficiale della Fermana

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."
Advertisement

Altro da News