Resta in contatto

News

Perugia-Gubbio 0-0: Grifo con gli artigli spuntati

Mezzo passo falso dei Grifoni, che ora concedono a Padova e Sudtirol l’occasione di allungare. Nella seconda frazione è più pericoloso il Gubbio.

Solo due occasioni da gol nel secondo tempo. Nella seconda frazione il Perugia, dopo aver creato molto nella prima, fa troppo poco per portare a casa il risultato. Se nella ripresa Cucchietti non deve mai sporcarsi i guanti, Fulignati viene chiamato in causa due volte. Il Perugia pareggia senza subire gol e senza segnarne per la seconda partita consecutiva, allungando a otto la striscia di risultati utili consecutivi. Domenica, però, Sudtirol e Padova avranno l’occasione di sfruttare il mezzo passo falso ed allungare in classifica.

La cronaca

Al 51′ Sounas avanza centralmente ed al limite lascia partire la conclusione, che dà l’illusione del gol e viene deviata in corner. Poi, fino all’87 il Perugia non è mai veramente pericoloso. Nelfinale, Dragomir calcia dal limite, ma la conclusione termina alta. Il Gubbio, invece, nella seconda frazione inizia a rendersi pericoloso con Pasquato che si dimostra il giocatore più in forma degli ospiti. Il numero 10, dopo la conclusione nel finale di primo tempo, chiama Fulignati alla parata con un tiro dalla distanza all’84’. Il portiere biancorosso si fa trovare pronto anche sul tiro a giro di Malaccari al 54′.

Primo tempo

Rivivi la cronaca

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Alceste65
Alceste65
4 giorni fa

Caserta oggi è stato un ‘nocione ‘… qualcuno gli spieghi che Melchiorri ha bisogno di una punta vera al suo fianco e non di un centrocampista e poi che i ‘cambi’ vanno fatti prima e non all’87 esimo minuto – oggi il colpevole di questo risultato e ‘ solo Lui !!!

Due punti STRAPERSI contro una squadra volenterosa , organizzata, ma a parte due o tre elementi francamente imbarazzante ….

Roberto
Roberto
4 giorni fa

Perugia inesistente, anzi vergognoso, sembrava una delle patetiche partite dell’anno scorso: no, che dico, degli ultimi almeno 7 anni. TROPPE CHIACCHIERE, allora c’aveva ragione Mandorlini quando ha detto che sembrava avessimo vinto la Champions. Pessimo sotto tutti i punti di vista: il Gubbio avrebbe meritato la vittoria.

Advertisement

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Io sono di parte perchè mia madre è la cugina....ma diciamo che la determinazione che ha avuto Fabrizio è stata una cosa fuori dal comune..mi..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Quando a Perugia dici Ilario hai detto tutto..... Una leggenda"

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Io non da perugino primo anno di università,in quella domenica fredda e piovosa al gol di cecca mi innamorai del grifo...."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Ragazzi, con tutto il rispetto per voi ma... Il Gale è Pescara. Pescara è il Gale. Gale e Profeta, sostantivi coniati da noi.... In bocca al lupo..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News