Resta in contatto

Approfondimenti

Grifo, doppio turno casalingo prima… ‘dell’election-day’

L’analisi dei quotidiani locali: il Perugia aspetta Modena e Samb, due gare da vertice che preparano Padova. I numeri del ‘Curi’ sono da primato ma i Canarini sono un osso duro…

E ora si torna al ‘Curi’, dove non ce n’è per nessuno. L’approfondimento è dei quotidiani locali, Il Messaggero, La Nazione e Il Corriere dell’Umbria. Già, meno male che il fattore campo in assenza di spettatori non contava. Alla faccia di qualsiasi previsione, considerata l’importanza del pubblico storicamente ‘decisivo’ per il Perugia in tutti i campionati vincenti, i numeri dicono che in casa la squadra biancorossa è la schiacciasassi del campionato.

Nel giro di tre giorni, tra sabato e martedì prossimi, i grifoni affronteranno in casa il lanciatissimo Modena (che in classifica sopravanza i grifoni di 1 punto ma ha giocato 2 partite in più) e la Sambenedettese che proprio in casa dei ‘Canarini’ ha perso malamente nell’ultimo turno. Sono le due partite che precedono la sfida di Padova del 7 marzo che potrebbe determinare le sorti del campionato. Ma anche quello con il Modena sarà uno scontro diretto a tutti gli effetti e vincerlo rappresenterebbe la grande occasione di far fuori un’avversaria dalla lotta per la promozione diretta.

Detto che i grifoni con la vittoria di Pesaro hanno assestato anche lo score in trasferta, falsato dalle due partite da recuperare, in casa viaggiano alla media di 2,3 punti a partita (30 in 13 gare) con 5 vittorie nelle ultime 5 gare. Sempre in casa hanno il miglior attacco (31 gol, quasi 2,4 a partita) e sarà davvero un gran duello contro la miglior difesa del torneo. Il Modena infatti ha subito appena 13 gol di cui solo 4 lontano da casa. D’altro canto i canarini segnano poco (10 reti in meno rispetto ai grifoni che vantano il secondo miglior attacco a quota 43) e in trasferta sono andati a segno appena 10 volte riuscendo però a portare a casa ben 7 vittorie.

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
giuliano
giuliano
2 mesi fa

FORZA CASERTA!!!!!!!!!!!!!!
FORZA FREGHI!!!!!!!!!!!!!!!!!!
SIAMO CON VOI!!!!!!!!!!!!!!!!
IMPARATE AD ESSERE UN “EXTREME TEAM” : approcci nuovi e coraggiosi che vanno oltre !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Walter
Walter
2 mesi fa

Ternano concarolo

Neno da Spoleto
Neno da Spoleto
2 mesi fa

Ma questo sig. Mario ,le vede le partite o si sostituisce al GUFO di GAUCCI ??

Mario
Mario
2 mesi fa

Forza padova

Grifagno
Marco
2 mesi fa
Reply to  Mario

Ripassa l’italiano … perderete è un verbo, iniziale minuscola, Padova nome proprio, iniziale maiuscola. Ma tu che ne vuoi sapere … mangiati un Pavesino

Giordano
Giordano
2 mesi fa
Reply to  Mario

Mutete concarolo

Mario
Mario
2 mesi fa

Le Perdete tutte è due hahaha

Daniele Vinciarelli
Daniele Vinciarelli
2 mesi fa

Non c’è trippa per gatti. Quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare!!!!

Mauro
Mauro
2 mesi fa

C’è li magnamo I canarini, metaforicamente

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Vero, l'emozione del periodo è stata comunque notevole"

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Il gol di Antonio fu meritato e gioimmo tutti. ..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Gol con la Nazionale in ITALIA - GEORGIA a Perugia GRANDE PENNA BIANCA"

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Con Galeone il calcio era uno spettacolo. Si poteva vincere o perdere ma il gioco era divertente senza troppi tecnicismi. Un po' come il calcio di..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da Approfondimenti