Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Il Modena ha ancora il dente avvelenato: “A Perugia con sete di rivincita”

Il tecnico gialloblu Mignani ha così presentato la sfida di sabato con il pensiero al blitz del Perugia nel girone d’andata : “Il Grifo ha qualità e quantità in ogni reparto. Noi al “Curi” per giocarcela. Avremo la sfrontatezza e la consapevolezza giusta”

Il Modena non verrà a Perugia per fare la vittima sacrificale. Il concetto ormai è chiaro ed è stato esposto a più riprese dai diversi tesserati dei gialloblu nel corso di tutta la settimana che ha portato al match: i canarini se la giocheranno sfruttando tutti i mezzi a loro disposizione. Sono vari i motivi che spingono gli emiliani a presentarsi al “Curi” con fiducia e ottimismo. A spiegarli è Michele Mignani, tecnico del Modena, alla vigilia: “Abbiamo voglia di rivincita per quello che è successo all’andata contro un avversario che tutti considerano come uno dei seri candidati per la vittoria del campionato. A livello di prestazioni non abbiamo mai sbagliato le partite importanti. Da qua all’ultima giornata, bisognerà ridurre al minimo gli errori. Per questo affronteremo il Perugia con il giusto timore, ma la sfrontatezza e la consapevolezza che ci siamo anche noi”.

L’allenatore degli emiliani si è soffermato in conferenza anche nell’analisi della rosa del Perugia: “Hanno numeri importanti soprattutto in casa e devono ancora recuperare due partite. Per capire la loro forza basta considerare che hanno giocatori che hanno giocato in categorie superiori e che in Serie C possono fare la differenza. La difesa è molto solida con un giocatore esperto (Angella, ndr) e tanti bravi giovani, a centrocampo hanno qualità e quantità, il parco attaccanti è veramente importante per la Lega Pro”.

Mignani che ha affermato, come Caserta, che scioglierà sabato mattina gli ultimi dubbi relativi alla formazione, ha fatto il conto degli assenti: Luppi sta bene e abbiamo recuperato Davì. Mancheranno Prezioso, Rebiu e Pierini.

 

 

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Paul
Paul
5 mesi fa

Venite, venite…

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ti ho voluto bene e ti ho odiato mi hai fatto piangere di gioia e di rabbia, avrei voluto abbracciarti un giorno e picchiarti il giorno dopo... La..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario