Calcio Grifo
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Perugia-Modena 3-0, Caserta: “Grande personalità”

Il tecnico biancorosso si gode il netto successo del suo Grifo contro una delle principali antagoniste della stagione: “Bravi Fulignati e Cancellotti, per me è difficile scegliere gli undici titolari”

Non si è fermata la macchina da gol costruita da Caserta. Il Perugia ha demolito anche la miglior difesa d’Europa mandando un altro segnale chiaro al campionato. Perché il Modena, incassato il ko (3-0) al Curi, appare tagliato fuori dalla lotta per il primato, e ora la pressione è anche sulle spalle del Padova che gioca domani contro il Cesena.

“Veniamo da una settimana importante sotto tutti i punti di vista – ha detto Caserta a Umbria Tv nel dopo gara -: mentale, calcistico e non solo. Oggi era un bel banco di prova contro la difesa meno battuta d’Europa e la squadra ci tiene a dedicare la vittoria a Pasquale, un mio collaboratore: gli siamo vicini, con l’aiuto di tutti ne verrà fuori alla grande”.

“Preparare la partita non è stato facile, abbiamo dimostrato grande personalità, non ci sono stati momenti di smarrimento nemmeno dopo i rigori sbagliati, i ragazzi non si sono mai scomposti e sono molto contento. Hanno dimostrato grande carattere, ma il campionato è ancora lungo e pieno di insidie. Non bisogna esaltarsi, solo correndo più degli avversari e lottando palla su palla si hanno maggiori possibilità di portare a casa il risultato. Abbiamo ancora margini di miglioramento perché alcuni elementi hanno le qualità per fare qualcosa in più”.

Caserta si è mostrato orgoglioso perché il suo Perugia sta ricostruendo l’entusiasmo perduto: “Credo che i tifosi stiano vedendo una squadra che lotta tutta insieme per un unico obiettivo”.

Il tecnico del Grifo ha anche fatto un plauso ai singoli. “Fulignati è stato bravo a lavorare con serenità anche quando veniva criticato perché sa di avere mezzi tecnici importanti e Cancellotti, che secondo me non è congeniale al 3-5-2, non hai mai detto una parola fuori posto, ha continuato a lavorare duro e ora sta sfruttando la sua occasione. Ci vuole anche la giusta riconoscenza verso un giocatore che ha saputo aspettare. Per me è complicato fare la formazione – ha concluso Caserta -. E’ difficile scegliere ma, allo stesso tempo, è anche facile perché so che tutti possono dare qualcosa di importante”.

 

Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Pagliari: "Cerchiamo di fare il percorso migliore per lui, con i giovani bisogna sempre andare...
Dai quotidiani locali - Dell'Orco spera di tornare a disposizione con l'Ancona. Ballottaggi sulla trequarti...
Da Il Messaggero - Il 37enne attaccante della Recanatese conta 115 presenze e 25 gol in biancorosso...

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...