Resta in contatto

News

Ex Grifo, Vicario prepara l’esordio in A con la benedizione di Oddo

Il portiere del Cagliari dovrebbe giocare domenica a San Siro per sostituire Cragno alle prese con il Covid. Il tecnico che lo ha allenato l’anno scorso a Perugia: “E’ un portiere moderno e un ragazzo eccezionale. I miei collaboratori continuavano a ripetermi che farà strada”

Domenica a San Siro una vecchia conoscenza del Grifo cercherà di fermare l’Inter versione schiacciasassi. Guglielmo Vicario è pronto ad indossare i guanti e debuttare in Serie A. Il ventiquattrenne di Udine si troverà subito ad affrontare la LuLa, una delle coppie più devastanti e in forma in Italia formata da Lautaro Martinez e Romelu Lukaku.

Nessuna paura per il portiere, che potrebbe dover sostituire Alessio Cragno (alle prese con il Covid) a difesa della porta del Cagliari anche nella prossima partita con il Parma. Vicario è uno dei pochi grifoni della scorsa stagione ad essere apprezzato dall’ambiente biancorosso nonostante la retrocessione. La benedizione per il suo esordio arriva direttamente da Massimo Oddo, il tecnico che ha creduto in lui a Perugia nonostante le difficoltà iniziali: “Io di portieri non so molto ma tutti i miei collaboratori continuavano a ripetermi che avrebbe fatto strada – riporta Cagliarinews24.com – E’ un ragazzo eccezionale con un senso del sacrificio sopra la media. Mentalmente è molto forte. Gli errori non lo abbattono e sono certo che non soffrirà la pressione di San Siro. E’ pronto per essere protagonista anche in Serie A”.

In questa stagione ha giocato tre partite in Coppa Italia, mantenendo la porta inviolata contro la Cremonese e subendo quattro gol tra Hellas Verona e Atalanta. Contro la Dea ha fornito un assist, segno della sua abilità anche con il pallone tra i piedi. Nella scorsa stagione con il Grifo ha disputato trentanove partite, incassando quarantanove reti e collezionando dieci clean sheet.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Daniele
Daniele
3 mesi fa

Portiere che merita il palcoscenico della A… Certo… Sulla benedizione di Oddo… farei tutti gli scongiuri del caso fossi in lui 🙂

Razi
Razi
3 mesi fa

A noi ci sarebbe bastato far giocare Minelli da gennaio invece che insistere sul “regista” arretrato Fulignati che ci ha fatto perdere almeno 4 punti che ora avrebbe voluto dire serie B. Grosse colpe di Caserta

Neno da Spoleto
Neno da Spoleto
3 mesi fa

Un buon portiere, ancora poco usato in A , per la B andrebbe benissimo, con Noi ogni tanto qualche incertezza veniva fuori !!

Maurizio
Maurizio
3 mesi fa

Avercelo noi quest anno

Federico
Federico
3 mesi fa

In bocca al lupo portierone

Roby72
Roby72
3 mesi fa

Potrebbe giocare tranquillamente titolare in A è bravo

Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."
Advertisement

Altro da News