Resta in contatto

News

Grifo, ora un passo nel futuro

L’approfondimento dei quotidiani locali in vista della prossima stagione: possibili conferme per staff tecnico e dirigenziale ma ci sarà da parlare. Obiettivo di partenza mantenere la categoria con il nucleo (rinforzato) della promozione

Ora il Perugia si tuffa nel futuro e il primo passo da parte della società sarà quello di confermare la squadra vincente, intesa stavolta come staff tecnico e dirigenziale prima di pensare al nuovo organico per la serie B. Nell’approfondimento dei quotidiani locali, Il Messaggero e La Nazione, notizie riportate anche da Il Corriere dell’Umbria, per i contratti in essere (avevano tutti il prolungamento automatico) ma anche per volontà e dichiarazioni pubbliche dei protagonisti, le possibilità che anche l’anno prossimo si riparta con Fabio Caserta e il suo staff, nonché con le poltrone di Dg e di Ds occupate ancora da Gianluca Comotto e Marco Giannitti, ci sono tutte, al di là di dichiarazioni un po’ criptiche che presuppongono spigoli da limare e garanzie da ottenere.

Normale poi che tecnico e dirigenti vincenti abbiano estimatori e che siano arrivate telefonate e sondaggi, ma di fronte a programmi comuni e condivisi questi aspetti passerebbero in secondo piano. La più marcata differenza con il passato sarà probabilmente un Massimiliano Santopadre più presente a livello pubblico rispetto alla stagione appena conclusa.

Memori delle esperienze passate, a fronte di un campionato che si annuncia tosto e competitivo come mai prima d’ora, l’obiettivo di partenza del club sarà quello di mantenere la categoria e per farlo sarà costruito un gruppo in grado di giocarsela con tutti e con ogni probabilità – altra differenza marcata rispetto all’ultima promozione dalla C, quella del 2014 – sarà confermato il nucleo principale della squadra che ha appena conquistato la cadetteria, cui saranno aggiunti rinforzi adeguati nei punti giusti.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Valter
Valter
3 mesi fa

Benissimo programmare per il futuro! Il subito e bene premia raramente. Santopadre, di nome e di fatto per il Perugia, altri non ce ne sono, altrimenti fuori i nomi. Ma poi, ha fatto così male?

giuliano
giuliano
3 mesi fa

PROGRAMMAZIONE TRIENNALE!
Di questo devono discutere e condividere ALL’UNANIMITÀ Presidente, Comotto, Giannitti, Caserta.
Così si cresce, tutti.
Chiaro poi che oggi tre anni nel calcio sono come l’eternità, ma questo è un esercizio che fa crescere COMUNQUE gli individui!

Daniele Vinciarelli
Daniele Vinciarelli
3 mesi fa

Caserta rimane. Così Giannitti. Santopadre dovrà investire se no lasci.

Gabriele
Gabriele
3 mesi fa

Santopadre lasci….a chi??? A quelli che non sono riusciti a prendere neanche l Arezzo e vanno in giro a fare proposte per squadre agonizzanti(ora pare trattino il Cosenza)? Non mi pare ci sia la fila e i pochi che si sono proposti di soldi ne hanno pochi o non ne hanno per niente. Inutile dire lasci, bisognerebbe specificare a chi

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "GAUCCI È STATO IL PIÙ GRANDE DI TUTTI."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da News