Resta in contatto

News

Sfiorato il dramma a Euro 2020. E a Perugia tutti rivivono il ‘brivido Curi’

Il danese dell’Inter Christian Eriksen sviene in campo: massaggio cardiaco e defibrillatore, poi si riprende. La gara, momentaneamente sospesa, si è conclusa con la vittoria della Finlandia per 1-0

Diciamoci la verità. Assistere da Perugia a quanto è accaduto a Copenaghen, dove si stava disputando il match di Euro 2020 tra Danimarca e Finlandia, non è stato come assistervi da un altro posto. Perchè quanto accaduto al 43° del primo tempo a Christian Eriksen, centrocampista danese e dell’Inter crollato a terra privo di sensi mentre si avvicinava a un compagno per ricevere una rimessa laterale, per i perugini è stato un autentico deja vù del 30 ottobre 1977, quando ad accasciarsi sul terreno di gioco fu Renato Curi.

Sconvolgente come allora. Sono stati minuti di grande tensione, il calciatore è stato sottoposto a massaggio cardiaco e i sanitari hanno agito anche con un defibrillatore. Bel gesto dei compagni di squadra che si sono disposti a cerchio per proteggere alla vista il giocatore. Eriksen è stato quindi portato via in barella ma poco dopo prima l’UEFA e poi la Federcalcio danese hanno dato notizia che il giocatore fosse vigile e stabile, seppur in ospedale per controlli approfonditi.

Lo stesso Eriksen, a distanza, ha rassicurato i compagni e chiesto loro di scendere in campo per concludere il match, che nel frattempo era stato sospeso. La gara è ripartita dallo 0-0, punteggio al momento dell’interruzione, per concludersi 1-0 a favore della Finlandia, grazie al gol di Joel Pohjanpalo, mentre la Danimarca ha fallito un rigore con Hojbjerg. Tutto il mondo ha tirato un sospiro di sollievo e si è raccolto in preghiera per Christian. E a Perugia il pensiero è corso ancora una volta lassù.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Giuliano
Giuliano
1 mese fa

Renato nel cuore sempre …forza Christian eriksen

Giancarlo Ribeca
Giancarlo Ribeca
1 mese fa

Sicuramente con le potenzialità di adesso il nostro Renato curi si sarebbe salvato…che giorno triste quel 30 ottobre 1977….e ieri abbiamo rivissuto quei momenti tragici ed ho pianto anche x Christian come tutti noi ed abbiamo pregato che tutto finisse in lieto fine….

Pier Luigi
Pier Luigi
1 mese fa

Forse con la tecnologia moderna, anche Renato, ce l’avrebbe fatta.

Enrico
Enrico
1 mese fa
Reply to  Pier Luigi

Infatti, questo è il grande rimpianto…
?

luca ceccarelli
luca ceccarelli
1 mese fa

Renato è e sarà sempre con noi, forza Grifo…

Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mi ricordo ancora le risatine della gente incredula quando presentò la squadra per il primo campionato di C , annunciò che sarebbe andato in serie A..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."
Advertisement

Altro da News