Calcio Grifo
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Alvini: ‘Grifo, devi ancora crescere molto’. E promuove il baby Moro

Il tecnico dopo la vittoria sul Cesena nell’amichevole del Curi: ‘Bene l’atteggiamento di tutti, mi aspetto di più nella gestione del pallone. In Coppa Italia per ottenere il massimo’

Un altro piccolo passo avanti in un lungo cammino. Altrimenti non sarebbe possibile definire l’opinione di Massimiliano Alvini dopo la vittoria (2-0) del suo Perugia sul Cesena al termine della prima uscita casalinga in amichevole. Ironico e pronto anche a prendersi in giro (‘stasera ho provato un paio di urli e ho sentito che la voce mi è calata, perchè in settimana ho urlato parecchio. Prenderò una caramella che domenica ci sarà di nuovo bisogno di urlare…‘) il tecnico biancorosso è soddisfatto dell’atteggiamento della squadra ma non ancora dei meccanismi che regolano il gioco.

Ho avuto indicazioni positive dall’atteggiamento della squadra. Dopo tre settimane di lavoro pieno e contro un avversario di buon livello stiamo cercando la nostra identità. Da questo punto di vista sono moderatamente soddisfatto, non di tutto quello che stiamo facendo nonostante i ragazzi ci mettano il massimo impegno, ma serve ancora tempo per migliorare, almeno un altro paio di settimane di lavoro’.

Eppure quanto si è visto, specie nella prima mezzora, ai tifosi e agli addetti ai lavori è piaciuto. ‘L’aggressività? Lavoriamo forte per andare a prendere palla più alta possibile, non era facile riuscirci a causa della disposizione del Cesena ma a tratti lo abbiamo fato bene. Sono invece da migliorare gli interscambi con i due mediani e anche gli attaccanti devono capire che mi devono coprire palla meglio. Ma non era facile, loro costruivano a tre e difendevano a quattro. Nel possesso palla possiamo e dobbiamo fare meglio, non mi è piaciuto, a tratti lo abbiamo fatto benissimo e talvolta invece abbiamo buttato via la palla. Dobbiamo capire quando è il momento di fare delle scelte, ma a questo possiamo arrivare solo con una maggiore conoscenza tra i giocatori’.

Idem dicasi per la difesa. ‘Soddisfatto è una parola che da Alvini non sentirete facilmente. Anche in difesa dico che c’è tanto da lavorare per evitare gli errori che ci sono stati e possono portare a situazioni di pericolo, come stasera quando avevamo la partita in mano e abbuiamo concesso un paio di situazioni in cui non siamo stati bravi nella gestione della palla. Il progetto tecnico passa attraverso il miglioramento ma per voglia, carattere e attaccamento queste sono state risposte positive e spero che si possa apprezzare quanto finora la squadra riesce a dare. A che percentuale siamo? Faccio fatica a rispondere, di sicuro dobbiamo migliorare e qualcosa dovrà arrivare dal mercato. Dal punto di vista della gestione il miglioramento passa attraverso il lavoro e la strada da percorrere è tanta. Il campionato di B è molto molto difficile. E’ anche vero che oggi dall’altra parte c’era una squadra forte e non avere preso gol è una notizia positiva’.

Infine, dal tecnico di Fucecchio arriva un cenno sul prossimo impegno, il primo ufficiale in Coppa Italia (‘L’anno scorso il Perugia ha vinto il campionato e il Sudtirol è stato lì per vincerlo, abbiamo appuntamento con una squadra molto forte e lo sanno anche loro, ci aspetta una partita di livello, noi cercheremo di mettere in campo le armi migliori e fare il massimo per ottenere il massimo’) e poi un apprezzamento per i giovani della rosa. Uno in particolare… ‘Manneh , Gyabuaa… tutti i nostri ragazzi sono andati bene e di tutti sono contento. Anzi, vorrei fare una citazione visto che nessuno me lo ha chiesto: avete visto che abbiamo un portiere classe 2004 (il perugino Luca Moro, ndr) che è entrato nel finale. Beh, lui è davvero una lieta sorpresa…‘.

 

 

Subscribe
Notificami
guest

7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il fischietto toscano ha già diretto il Grifo in questo campionato, in occasione di Spal-Perugia...
Da Il Messaggero - Con la Recanatese terza vittoria in extremis dopo Pescara e Fermana....
Dai quotidiani locali - Dopo la rifinitura partenza per la Liguria senza Dell'Orco, Vulikic, Polizzi...

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...