Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Il Grifo con maturità batte l’Alessandria da grande squadra

I biancorossi ribaltano il risultato con i gol di Olivieri e Falzerano (2-1). Ora un trittico di sfide molto difficili

Il Perugia si conferma grande squadra, o almeno continua ad essere vestita da big ed abitare nel condominio play off. Nel giorno in cui si celebrava il ricordo di Pierluigi Frosio, storico capitano biancorosso scomparso domenica, il Grifo rivoluzionato da Alvini (nove cambiamenti rispetto allo 0-0 con la Cremonese) espugna per la prima volta nella storia il Moccagatta. A partire meglio è l’Alessandria che si presenta in campo con un inedito 4-3-1-2 a trazione offensiva e si riversa subito in attacco. E’ bravo Chichizola a dire di no alla botta di Corazza che al 10′ si libera bene in area sugli sviluppi di un corner. Nel momento in cui i biancorossi si affacciano in attacco, i grigiorossi sbloccano il risultato con Mantovani che prende il tempi a Rosi, svetta in area e segna di testa su una punizione battuta dalla sinistra. Provvidenziale poi il portiere argentino in uscita a tu per tu con Palombi, che lanciato da Chiarello sfugge alla marcatura di Curado. Il gol del pari (il primo in casa dell’Alessandria) è firmato da Olivieri che trova la seconda rete in due partite da titolare. Kouan soffia il pallone a Milanese e pesca in area l’ex Lecce che supera Mantovani e batte Pisseri.

Nella seconda frazione i piemontesi sembrano scarichi mentre il Perugia riesce a ribaltare il risultato e ha anche l’occasione per arrotondare. Al 59′ Pisseri di piede para il tiro di Falzerano, che deve aspettare solo altri 6 minuti per trovare la prima rete in stagione. Lunetta intercettando un cross dalla sinistra ai fatti stoppa il pallone servendolo al 23 biancorosso che rientra sul destro e segna il 2-1. Nel finale il subentrato Matos va vicino al 3-1 ma in contropiede trova il portiere avversario a dire di no. La classifica può ingannare su quanto pesi questa vittoria in ottica salvezza e, ormai va detto, play off. In casa dell’Alessandria nelle ultime quattro partite erano passate senza vincere Pisa, Lecce e Benevento. La squadra di Alvini ha invece strappato i tre punti grazie alla maturità acquisita e al cinismo che ha permesso di sfruttare due errori della difesa avversaria. Un ottimo antipasto per il piatto forte che ora vedrà affrontare in una settimana tre sfide di fuoco contro Benevento, Brescia e Lecce. Dopo si potranno fare le prime valutazione sulla stagione del Perugia.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Arriva la settimana degli acquisti: cosa serve al Perugia?

Ultimo commento: "Vedo che la squadra di sta riprendendo.ora giocano con più grinta.se continua così il Perugia si salva."

Grifo, il Pagellone di fine anno: che voto a Lisi?

Ultimo commento: "Hai ragione conta piu'quello"

SONDAGGIO: Gong sul mercato di gennaio. Che voto al Perugia?

Ultimo commento: "Cari amici leccesi uno scarso nel vostro attacco si vede troppo ma nel nostro neanche si nota"

Pallone d’Oro biancorosso 2021: il vincitore è Salvatore Burrai

Ultimo commento: "Quindi Burrai è risultato più decisivo di Angella tra l'anno scorso e questo girone di andata. Complimenti"
Advertisement

I Miti biancorossi

Il 'Tigre' di Perugia

Antonio Ceccarini

Il bomber perugino campione d'Europa

Fabrizio Ravanelli

Il 'Condor' biancorosso

Franco Vannini

Il profeta di Perugia

Giovanni Galeone

Lo storico allenatore biancorosso

Guido Mazzetti

Il principe del Sol Levante

Hidetoshi Nakata

L'allenatore del Perugia dei 'miracoli'

Ilario Castagner

Il Lord capitano del Perugia dei miracoli

Pierluigi Frosio

L'uomo-simbolo del Perugia

Renato Curi

L'uomo che apparteneva al fiume

Serse Cosmi

Altro da News