Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Le pagelle di Calcio Grifo

Perugia-Benevento 0-1: Angella e De Luca, match stregato

Il Grifo esce a mani vuote dal Curi pur avendo sempre tenuto in pugno la gara. Decisivo il rigore “visto” dal Var e fischiato al capitano. Sgarbi il migliore, Kouan un disastro: queste le pagelle biancorosse di calciogrifo.it

CHICHIZOLA 6.5

Complicato dal vento il ruolo di registra arretrato. Spiazzato sul rigore, piazzatissimo e tecnicamente magistrale il tuffo per evitare il raddoppio di Forte (51′). Un attimo dopo aspetta Insigne sul tiro a giro.

SGARBI 7

Un treno sul binario 2. Spinge da mezzala, difende da mastino. A centimetri dal pari con una succosa girata di testa (80′). Ormai è una certezza.

ANGELLA 6.5

Gli viene fischiato contro un rigore impensabile fino a poco tempo fa. Il resto è tutto perfetto. Il mestiere del difensore al tempo del Var ha toccato quozienti di difficoltà pari alla chirurgia.

DELL’ORCO 6.5

Un po’ centrale, un po’ terzino, un po’ regista. Distribuisce personalità, senso tattico e qualità limitando al massimo Insigne e compagni.

FALZERANO 6

Bello il pallone tagliato davanti a Paleari (33′), sballate le coordinate di un assist non impossibile con le streghe scoperte sul lato debole (68′). Resta comunque bene dentro il match.

SEGRE 6.5

Mette un mattoncino dopo l’altro sul solido muro che protegge la retroguardia. Sempre pulito anche nel ribaltare e rifinire l’azione.

GHION 6

Il dosaggio dei ritmi appare funzionale al match. Pur pagando un certo gap fisico, non tira mai indietro la gamba. E ci mette qualche delizia tecnica.

LISI 6

Non abbastanza sfrontato nella prima frazione, aumenta la pressione sulla corsia nella ripresa provando a mettere veleno sul destro.

SANTORO 6.5

Esplosivo, tiene salda in pugno la partita. Inizia sulla trequarti e poi arretra in mediana. Trova un buon destro (39′) sporcato in corner, è sempre al posto giusto.

MATOS 5.5

Tante lotte a tutto campo e contro ogni avversario, come un lungo lavoro ai fianchi della difesa ospite. Manca l’acuto in sala brasiliana.

DE LUCA 6

Sfida tosta con l’ex capitano Glik ai tempi del Toro. Sbatte sulla traversa (decisiva la falange di Paleari) con un colpo di testa da gigante (63′). Ci crede fino al 95′, sfida stregata.

OLIVIERI 6

(dal 61′ per Matos) Battaglia su tutto il fronte, rimedia punizioni e ferisce la retroguardia ospite.

D’URSO 6

(dal 61′ per Ghion) L’impatto sulla gara è subito luminoso. Aggiunge idee interessanti.

KOUAN 4.5

(dal 73′ per Segre) Abbatte Acampora e poi anche Improta. Rosso in poco più di 10 minuti. Ritorno alle origini.

FERRARINI 6

(dal 73′ per Lisi) Un flash il destro dal limite che impegna Paleari. Di certo alza i giri del motore della squadra.

CARRETTA S.V.

(dall’83’ per Santoro) Cerca un paio di fiammate.

ALVINI 6.5

L’architettura della prestazione è solida e l’ex Caserta, come all’andata, va in crisi. Con un time out volante nella ripresa disegna le mosse di un assalto che mette alle corde le streghe. Primo (ingiusto) ko contro le big.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti biancorossi

Il 'Tigre' di Perugia

Antonio Ceccarini

Il bomber perugino campione d'Europa

Fabrizio Ravanelli

Il 'Condor' biancorosso

Franco Vannini

Il profeta di Perugia

Giovanni Galeone

Lo storico allenatore biancorosso

Guido Mazzetti

Il principe del Sol Levante

Hidetoshi Nakata

L'allenatore del Perugia dei 'miracoli'

Ilario Castagner

Il Lord capitano del Perugia dei miracoli

Pierluigi Frosio

L'uomo-simbolo del Perugia

Renato Curi

L'uomo che apparteneva al fiume

Serse Cosmi

Altro da Le pagelle di Calcio Grifo