Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Grifo, le proteste arbitrali ora arrivano dal Brescia. E Cellino ordina il silenzio stampa

La società biancazzurra non ha gradito il metro utilizzato da Aureliano nella semifinale play off d’andata contro il Monza

Nel giro di quattro giorni al Rigamonti si è ribaltato il mondo. Se il presidente Massimiliano Santopadre e il tecnico Massimiliano Alvini stanno sbollendo l’arrabbiatura per gli episodi arbitrali che hanno portato all’eliminazione del Perugia al turno preliminare dei play off (il rigore concesso per fallo di mano di Curado e soprattutto il gol annullato a Santoro), le proteste ora arrivano dal Brescia.

Il presidente Massimo Cellino, nella semifinale d’andata contro il Monza, non avrebbe infatti gradito il metro usato da Aureliano non ritenendo che abbia sanzionato a dovere gli interventi che hanno costretto Sabelli e Huard a lasciare anzi tempo il campo, con il primo portato anche in ospedale per accertamenti. Il numero uno delle rondinelle ha ordinato il silenzio stampa: “Dovrebbero parlare Sabelli e Huard così tutti saprebbero come stanno, – le parole riportate da Bresciaingol.it – ma purtroppo non sono nelle condizioni di poterlo fare”.

LEGGI LE ULTIME NOTIZIE SULLE RONDINELLE NEL PORTALE TIFOBRESCIA

 

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti biancorossi

Il 'Tigre' di Perugia

Antonio Ceccarini

Il bomber perugino campione d'Europa

Fabrizio Ravanelli

Il 'Condor' biancorosso

Franco Vannini

Il profeta di Perugia

Giovanni Galeone

Lo storico allenatore biancorosso

Guido Mazzetti

Il principe del Sol Levante

Hidetoshi Nakata

L'allenatore del Perugia dei 'miracoli'

Ilario Castagner

Il Lord capitano del Perugia dei miracoli

Pierluigi Frosio

L'uomo-simbolo del Perugia

Renato Curi

L'uomo che apparteneva al fiume

Serse Cosmi

Altro da L'angolo dell'avversario