Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Grifo, le tre imprese di Castori partendo dal fondo

Da Il Messaggero: storia delle incredibili rimonte alla guida di Ascoli, Cesena e Trapani sul filo conduttore di una media-punti che a Perugia è già in linea…

Approfondimento, nell’edizione odierna de Il Messaggero, sulle salvezze ottenute nella sua lunga carriera da Fabrizio Castori partendo dal fondo della classifica, elemento in comune con l’attuale stagione alla guida del Perugia che l’ultimo posto lo ha appena abbandonato.

Rimonte che partono dal nulla o quasi, come quella che riuscì a Castori alla guida dell’Ascoli penalizzato di 6 punti per problemi economici nella stagione 2010-2011. Chiamato a rilevare Elio Gustinetti al capezzale della squadra bianconera ultima in classifica dopo 12 giornate con soli 7 punti, Castori e la squadra furono a lungo gli unici a crederci fino all’ultima partita, un secco 3-0 alla Triestina che lo fece trionfare nel maggio del 2011 a casa sua e alla guida del club che tifava sin da bambino. Quell’Ascoli chiuse a 50 punti e con Castori ne mise insieme 43 in 30 partite (media 1,4).

Impresa-bis nella B 2017-2018, quando venne chiamato a rilevare Andrea Camplone sulla panchina del Cesena che aveva guidato nove stagioni prima. Manco a dirlo, partendo dall’ultimo posto con 4 punti dopo 7 giornate. Castori arrivò anche in questo caso a quota 50 (46 punti in 35 partite, media 1,3) nonostante il club fosse sull’orlo del fallimento, che sarebbe presto arrivato e che sarebbe stato poi retrocesso d’ufficio a causa delle plusvalenze fittizie.

Destino infame come quello del suo Trapani, stagione 2019-2020, rilevato il 19 dicembre dopo l’esonero di Francesco Baldini (proprio l’ex Perugia) con la squadra al penultimo posto con 13 punti. Quel Trapani guadagnò 33 punti in 22 gare (media 1,5 a partita), di cui 21 in seguito alla sospensione per la pandemia (solo il Cosenza riuscì a fare meglio con 22), ricavando 46 punti sul campo anche grazie al blitz del 27 luglio al ‘Curi’ (2-1) che condannò i grifoni di Massimo Oddo a fare risultato a Venezia per evitare i playout (cosa che non sarebbe avvenuta), e quindi conseguendo la salvezza diretta prima della penalizzazione di 2 punti che costò la retrocessione in C. Per la cronaca, la media-punti da quando Castori è tornato alla guida del Perugia dopo la parentesi di Baldini è di 1,5…

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Arriva la settimana degli acquisti: cosa serve al Perugia?

Ultimo commento: "Vedo che la squadra di sta riprendendo.ora giocano con più grinta.se continua così il Perugia si salva."

Grifo, il Pagellone di fine anno: che voto a Lisi?

Ultimo commento: "Hai ragione conta piu'quello"

SONDAGGIO: Gong sul mercato di gennaio. Che voto al Perugia?

Ultimo commento: "Cari amici leccesi uno scarso nel vostro attacco si vede troppo ma nel nostro neanche si nota"

Pallone d’Oro biancorosso 2021: il vincitore è Salvatore Burrai

Ultimo commento: "Quindi Burrai è risultato più decisivo di Angella tra l'anno scorso e questo girone di andata. Complimenti"
Advertisement

I Miti biancorossi

Il 'Tigre' di Perugia

Antonio Ceccarini

Il bomber perugino campione d'Europa

Fabrizio Ravanelli

Il 'Condor' biancorosso

Franco Vannini

Il profeta di Perugia

Giovanni Galeone

Lo storico allenatore biancorosso

Guido Mazzetti

Il principe del Sol Levante

Hidetoshi Nakata

L'allenatore del Perugia dei 'miracoli'

Ilario Castagner

Il Lord capitano del Perugia dei miracoli

Pierluigi Frosio

L'uomo-simbolo del Perugia

Renato Curi

L'uomo che apparteneva al fiume

Serse Cosmi

Altro da Approfondimenti