Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Le pagelle di Calcio Grifo

Le pagelle del Grifo: Kingsley e Vido cambiano il match

Primo tempo da dimenticare per tutti a Cosenza. Nella ripresa i ritmi del Perugia aumentano e arriva la super giocata di Vido che porta al pari del nigeriano.

GABRIEL 6 Sul gol non può nulla. È impegnato con il contagocce: nella ripresa Maniero calcia centrale, poi il tiro cross di D’Orazio che smanaccia in angolo con qualche brivido.

EL YAMIQ 5.5 Poteva incidere di più sul vantaggio calabrese, invece Maniero gli sbuca alle spalle tutto solo. Fa e disfa. Chiude da terzino destro e, nel finale, prima la combina grossa sbucciando un rinvio ma è poi grandioso nel recuperare in spaccata per murare il possibile 2-1.

CREMONESI 6 Concede poco, prova a mettere una pezza in avvio ma l’assist di Garritano gli passa tra le gambe. Gara di sostanza.

GYOMBER 6.5 Il più sicuro ed esplosivo del pacchetto arretrato. Si prende molte responsabilità sia in fatto di chiusure nel corpo a corpo, sia quando c’è da rischiare la giocata per far ripartire l’azione.

MAZZOCCHI 5 Fatica nel trovare le misure alla fascia sinistra disegnata da Braglia (dal 67’ TERRANI 6.5 Buono l’impatto sul match nel doppio ruolo trequartista-ala sinistra, anello della catena dell’azione del pareggio).

MOSCATI 5.5 Prova a metterci ritmo per dimenticare il rigore fallito. Sacrificato all’intervallo per dare la scossa (dal 46′ KINGSLEY 7 La “licenza di uccidere” che gli consegna Nesta prima dell’ingresso è una sentenza. Trova la zampata del pari, al posto giusto al momento giusto. Primo gol tra i professionisti).

BIANCO 5.5 Non aiuta la squadra ad alzare i ritmi ma è prezioso nei raddoppi. Cresce alla distanza. (dal 83′ BORDIN sv Pochi minuti ma con ottima concentrazione).

VERRE 6.5 Ha il compito di andare a prendere alle spalle i mediani calabresi e finisce ingolfato nel traffico. Molto meglio dopo l’intervallo e soprattutto con il cambio di modulo. Un bolide di poco alto e la delizia di tacco con cui avvia l’azione del pareggio. Sprazzi di Valerio vero.

FELICIOLI 5.5 La torta per il 21esimo compleanno rischia di trasformarsi in un gran pasticcio quando si fa soffiare il pallone da cui nasce lo svantaggio. Ha il merito di non perdersi d’animo e la seconda parte da terzino lo porta a un passo dallo spegnere le candeline con il sorriso.

VIDO 7 A tutto campo, quando accelera lo prendono in pochi. Nel primo tempo finisce ai box tre volte per una perdita di sangue dal naso. Altra cilindrata rispetto alla categoria: lo stop di petto volante e sinistro incrociato sui cui Saracco si supera vale mezzo gol di Kingsley.

MELCHIORRI 6,5 Con i compagni al piccolo trotto prova a mettersi in proprio e il gran sinistro prima del riposo si stampa sulla traversa. Sta trovando la gamba e va a prendersi sulla corsia il pallone da trasformare nel tracciante che porta al gol.

NESTA 6 Troppo brutto per essere vero il Grifo al rallenty del primo tempo. Tocca i tasti giusti all’intervallo anche se l’arbitro Dionisi (ancora lui) lo caccia di nuovo con largo anticipo. Ha il merito di ridisegnare l’assetto, rispolverare la difesa a 4 e mettere dentro gli uomini giusti per riprendere il match.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Arriva la settimana degli acquisti: cosa serve al Perugia?

Ultimo commento: "Qualcuno lontano da Perugia"

Grifo, il Pagellone di fine anno: che voto a Lisi?

Ultimo commento: "scusate l intrusione ma non si puo sentire che lisi non e un giocatore io sono di pisa e vi posso garantire che da noi a fatto la differenza forse..."

SONDAGGIO: Gong sul mercato di gennaio. Che voto al Perugia?

Ultimo commento: "Cari amici leccesi uno scarso nel vostro attacco si vede troppo ma nel nostro neanche si nota"

Pallone d’Oro biancorosso 2021: il vincitore è Salvatore Burrai

Ultimo commento: "Quindi Burrai è risultato più decisivo di Angella tra l'anno scorso e questo girone di andata. Complimenti"
Advertisement

I Miti biancorossi

Il 'Tigre' di Perugia

Antonio Ceccarini

Il bomber perugino campione d'Europa

Fabrizio Ravanelli

Il 'Condor' biancorosso

Franco Vannini

Il profeta di Perugia

Giovanni Galeone

Lo storico allenatore biancorosso

Guido Mazzetti

Il principe del Sol Levante

Hidetoshi Nakata

L'allenatore del Perugia dei 'miracoli'

Ilario Castagner

Il Lord capitano del Perugia dei miracoli

Pierluigi Frosio

L'uomo-simbolo del Perugia

Renato Curi

L'uomo che apparteneva al fiume

Serse Cosmi

Altro da Le pagelle di Calcio Grifo