Resta in contatto

Approfondimenti

Goretti: “Che fatica alle giovanili del Perugia”

Lunga e bellissima confessione del direttore dell’area tecnica al museo del Perugia: “Il presidente mi ha insegnato un altro lavoro”

Dopo una partita con l’Arezzo ho deciso che avrei smesso di giocare – ricorda Goretti – era venuto a vedermi il mio grande amico Emanuele Brioschi e mentre giocavo pensavo a lui in tribuna che mi guardava. Andai dal presidente Damaschi e gli dissi che questa era la mia decisione. Lui mi chiese di rimanere come ‘capitano non giocatore’, come si usa nella Coppa Davis“.

Rimasi, poi diventai responsabile del settore giovanile perché quello che c’era prima se n’era andato. Vivevo all’ombra di Agnolin che mi ha insegnato a comportarmi in questo mondo, a diventare grande di fatto, perché credo che finché si resta calciatori non si cresce davvero. E lui mi ha dato davvero tanto“.

Poi con Santopadre mi è stato chiesto di fare il direttore sportivo. È stata una grossa emozione. Ma vi posso dire che è molto più facile gestire una sola squadra di adulti che tante squadre di ragazzini, non tanto per loro quanto per i genitori, i papà e soprattutto le mamme…“. Il futuro? È un’incognita.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ti ho voluto bene e ti ho odiato mi hai fatto piangere di gioia e di rabbia, avrei voluto abbracciarti un giorno e picchiarti il giorno dopo... La..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da Approfondimenti