Resta in contatto

News

Filippo Ranocchia nella squadra dei “millennials” della B

Il centrocampista perugino del Grifo è il secondo in assoluto più giovane degli undici ragazzi nati dopo il 2000 che hanno fatto il loro esordio nel campionato cadetto.

Il 30 marzo 2019 è una data da ricordare nel calcio perugino. Filippo Ranocchia ha fatto il suo esordio tra i professionisti con la maglia del Grifo, durante Perugia-Livorno, e domenica scorsa ha anche parlato di quella emozione.

Il centrocampista perugino entra anche nella storia del campionato cadetto. Fa parte, infatti, degli 11 “millennials” che hanno esordito in Serie BKT 2018/19 a 5 turni dalla fine della regular season.

Il “capitano” di questa squadra di ragazzini è chiaramente Sandro Tonali (Brescia) che vanta già 29 presenze e 3 reti. Insieme a Ranocchia, ci sono poi Zennaro e Rossi (Venezia), Cannavò (Palermo), Moro (Padova), Felici (Lecce), Traore e Kumbulla (Hellas Verona), Sanogo (Benevento), Viviani (Brescia).

Filippo Ranocchia è nato il 14 maggio del 2001. Ha quindi un anno in meno di Tonali (8 maggio 2000). Anche Zennaro e Rossi, Cannavò e Viviani sono del 2000, l’ex grifone Traorè, ora al Verona, è sempre un 2000 come il compagno Kumbulla. Moro è del 25 gennaio 2001, Felici è del 17 aprile 2001, sempre più “vecchi” del perugino Ranocchia. Il più giovane in assoluto tra gli esordienti in B è stato l’ivoriano Siriki Sanogo, nato il 21 dicembre 2001.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ragazzo no bravo ma Bravissimo

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Mah, ancora col sistema, secondo me s'è fatto fuori da solo, si è voluto fare fuori...."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Caro amico ci a portato ci vuole H. Saluti."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Con Galeone il calcio era uno spettacolo. Si poteva vincere o perdere ma il gioco era divertente senza troppi tecnicismi. Un po' come il calcio di..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Grande personalità, maestro di vita, semplicità da vendere .unico"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News