Resta in contatto

BiancoRosso - Il Personaggio

Iemmello: “Voglio riprendermi la A con il Perugia. Sarebbe bellissimo…”

Il centravanti del Grifo, protagonista in questa prima parte dell’estate biancorossa, si è raccontato in una lunga intervista alla Gazzetta dello Sport.

È il colpo di mercato del Perugia e il punto riferimento nello scacchiere biancorosso a disposizione di Oddo. Pietro Iemmello è apparso da subito carico per la nuova avventura con la maglia del Grifo. È andato sempre a segno finora.

Anche nel test di lusso contro una big di Serie A. “L’amichevole con la Roma ci ha fornito tantissime indicazioni, sia tattiche che fisiche. Era la prima gara disputata contro una formazione di categoria superiore e per questo aveva un significato diverso per noi”. Il centravanti del Perugia si è raccontato in una lunga intervista alla Gazzetta dello Sport.

La guida tecnica

Nella sfida contro i capitolini “il mister ci ha detto di pressarli alti, evitando di lasciarli tranquilli in fase di impostazione. Stiamo puntando molto sul carico di preparazione fisica. Oddo ha già spiegato la sua idea di calcio: aggressione in fase di non possesso, lavoro iniziale palla al piede, anche dalla difesa, e nessun punto di riferimento davanti”.

Feeling e desideri

“Sono stato vicino al Perugia anche l’anno scorso. I rapporti col presidente Santopadre e il direttore Goretti sono ottimi e così si è ricreata l’opportunità. Dobbiamo alimentare la nostra ambizione – ha detto Iemmello – e avere la pressione giusta, quella che ti tiene sul pezzo tutto l’anno, quella che ti fa migliorare. Ci giochiamo tutti tantissimo in questa stagione. L’obiettivo è quello di tornare in A e restarci. E col Perugia sarebbe bellissimo”.

Il cuore di Pietro

Iemmello collabora anche con l’agenzia che detiene la sua procura per un progetto di solidarietà che si chiama Associazione Insuperabili. “Con l’Agenzia Reset cerchiamo di aiutare i ragazzi disabili per ridurre le distanze tra loro ed il mondo circostante”.

Il passato

Non ho rimpianti, però so che avrei potuto fare di più. L’ambizione c’è ancora ed è integra. De Zerbi è l’allenatore che mi ha fatto crescere maggiormente, dentro e fuori dal campo. Il Foggia mi ha dato tanto, mi ha fatto sentire un giocatore vero”. Per l’auto incendiata la scorsa stagione però “mi sono sentito tradito: da chi non so, anche se da 2 o 3, però la sensazione è quella”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

gimogrifoneeee

Advertisement

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Persona speciale."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Gugliemo Vicario è un talento, per capacità di concentrazione, continuità, attaccamento e professionalità. Complimenti."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grande Tigre..Grande Uomo...Grande Calciatore. Antonio Ceccarini da Sant'Angelo in Vado....con Ramaccioni che lo portò a Città di Castello...per..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da BiancoRosso - Il Personaggio