Resta in contatto

BiancoRosso - Il Personaggio

Vicario e l’impatto con il Grifo: “Oddo mi dice di uscire fino a metà campo…”

Il portiere del Perugia si sta ambientando dopo l’arrivo in biancorosso e punta a ritrovare i 17mila del test con la Roma: “Bellissimo colpo d’occhio”.

Il popolo biancorosso inizia a conoscere il nuovo numero 1 e Guglielmo Vicario si presenta con la vittoria di Serie D e C nel curriculum con la maglia del Venezia. Al portiere friulano, come al Grifo, manca la B. “Mi auguro che con la forza di questo gruppo, già solido e collaudato, possa accadere quest’anno. Sarebbe fantastico”.

Il nuovo portiere del Perugia si è raccontato a Tef Channel nella sede del ritiro di Cascia. “Con il Venezia è stata una scalata bella, faticosa ma molto soddisfacente. Per un atleta, esclusi i fenomeni, le tappe sono importanti. Il mio percorso non è finito, è in fase di evoluzione ma sono contento di aver fatto fin qui tutti gli scalini partendo dall’Interregionale”.

Goretti mi ha voluto fortemente – ha aggiunto Vicario – e ho spinto perché la trattativa si concludesse in fretta. Mi aspetto un stagione crescita. Meglio non porsi obiettivi. Nell’amichevole con la Roma c’è stato un bellissimo colpo d’occhio al Curi. Sono andato a letto pensando alla grande passione dei nostri tifosi. Ero venuto da avversario con il Venezia ma questa serata mi ha dato la carica”.

Vicario, da friulano, ha un riferimento preciso tra i grandi numeri uno. “Sono cresciuto con il mito di Handanovic (ex Udinese, ndr) pur non essendo interista. Mi ha sempre impressionato per il carisma”.

“Sarà un campionato combattuto, ma anche noi siamo ambiziosi e ci faremo trovare pronti alla battaglia. Nel nostro gruppo, da vicino, mi hanno impressionato Dragomir e anche Christian Kouan (le ultime). Dove possiamo arrivare? Mi auguro che sia un campionato di qualità. Ai tifosi prometto di gioire il più possibile insieme”.

Ora la guida del Grifo è Massimo Oddo. “È stato un impatto diretto, la prima cosa che mi ha detto è che devo uscire fino a metà campo. Un segnale indicativo del suo calcio…”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Sieeeeeee così vedre’ tu i golle a pallonetto che pijamo!!!??????

Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "GAUCCI È STATO IL PIÙ GRANDE DI TUTTI."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Ilario Castagner merita il rispetto e l'ammirazione che si deve ad una leggenda del calcio perugino. Le tue imprese ti hanno reso immortale beniamino..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "A parte la strepitosa emozione per il gol del 2-2 all'Inter (c'ero con i miei 18 anni), amo ricordare che Antonio era sempre l'ultimo a uscire dagli..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "esattissimo il gale parlava sempre per convinzione........ mai per convenienza"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Mi ricordo che quando era a Perugia Fabrizio non era proprio osannato anche se in serie B aveva fatto 22 gol poi con caparbietà é diventato il..."
Advertisement

Altro da BiancoRosso - Il Personaggio