Resta in contatto

BiancoRosso - Il Personaggio

Nicolussi Caviglia studia Cruyff: “Alleno la mente, focalizzato sul Perugia”

Il centrocampista biancorosso dall’isolamento per l’emergenza sanitaria. “Fin da piccolo andavo in Olanda e mi sono appassionato a un personaggio che ha rivoluzionato il calcio”.

Studia per diventare un giocatore unico, Hans Nicolussi Caviglia. Ecco la sensazione che trasmette il centrocampista del Grifo parlando di calcio.

Diciannove anni sulla carta d’identità sono un denso concentrato di maturità. “Ho deciso di rimanere a Perugia – spiega dall’isolamento casalingo per l’emergenza sanitaria -, mi sembrava la scelta più coerente. In questo momento è importante non lasciarsi andare all’inerzia delle cose e collegare la mente. Bisogna allenare la forza interiore oltre quella fisica”.

Come? “Mi aiuta leggere, a volte suono il piano, l’importante è stare bene con se stessi e imparare a conoscersi”. Il pianoforte è una passione in tandem con Falzeranoma io sono ancora un principiante in confronto a Marcello, ho iniziato quest’anno ad andare a lezione”. E poi c’è il pallone. In tutte le sue forme. Anche nelle pagine di un libro. “Leggo la biografia di Cruyff, sono appassionato non solo del calciatore ma anche delle grandi idee che aveva come allenatore. Andavo in Olanda fin da piccolo – racconta Nicolussi Caviglia -, lì c’è mia zia e ora anche mia sorella che studia danza. Così mi sono appassionato alla figura di Cruyff, ha rivoluzionato questo sport”.

Il talento scuola Juve vive per il calcio. Abbraccia la teoria: “Guardo le partite e le analizzo, mi piace parlare con persone competenti e aggiornarmi”. E aggiunge la pratica con quei 5 palloni che tiene sempre in macchina, come ha svelato il compagno Falasco. “È vero, ne ho parecchi – sorride – un po’ per ricordo e un po’ perché li utilizzo, anche in giardino in questi giorni. È una scorta, anche emotiva”.

Hans è arrivato a Perugia dopo l’approccio con i grandi della Juventus e “mi sono arricchito anche solo stando accanto a giocatori top nel mondo. Devo ringraziare molto Allegri che mi ha formato”.

La voglia di tornare in campo è viva nelle parole del ragazzo aostano che, però, ha piedi ancorati a terra. “Prima di tutto c’è la salute, solo dopo penseremo al calcio”. Professionalmente non è tempo di futuro. “La Juventus è casa mia, ma sono focalizzato solo sul Perugia”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grande Tigre..Grande Uomo...Grande Calciatore. Antonio Ceccarini da Sant'Angelo in Vado....con Ramaccioni che lo portò a Città di Castello...per..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Come non fidarsi del tuo esimio parere. Pare che una volta a casa abbia chiamato i figli e abbia detto loro: studiate, impegnatevi, sacrificatevi e..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da BiancoRosso - Il Personaggio