Resta in contatto

BiancoRosso - Il Personaggio

Falasco: “Perugia, è una questione di carattere. Non dimenticherò…”

Seconda parte dell’intervista al difensore del Grifo che ricorda i dieci minuti di fuoco dopo l’espulsione rimediata in casa del Chievo. “Merito quanto mi ha detto Cosmi”

È una stagione, sul piano personale, per “dimostrare anche alla società che sbagliava”. Per il Perugia invece è un campionato fin qui sotto le aspettative. Nicola Falasco fa il punto dal ritiro casalingo forzato per l’emergenza Coronavirus.

Si aspettava le difficoltà avute dal Grifo dopo il buon avvio?
“Quando è stata costruita la squadra ci credevo molto. Vedendo ogni allenamento c’erano segnali positivi. Di certo qualcosa è mancato, altrimenti non avremmo questa classifica. Difficile trovare una ragione per come stanno andando le cose. In alcune partite in cui c’era bisogno più di carattere che di tecnica non l’abbiamo tirato fuori del tutto”.
Torniamo al finale della gara in casa del Chievo. Cosmi l’ha strigliata anche pubblicamente per l’espulsione…
“Quel giorno non lo dimenticherò. Mi meritavo tutto quanto mi ha detto, avevo sbagliato. Farò fatica a dimenticarmi i minuti nello spogliatoio a fine partita. Un’esperienza per non ripetere certi errori. Poi mi sono sentito anche in dovere di chiedere scusa a tutta la squadra e allo staff”.
In questa stagione ha giocato in diversi ruoli della difesa. Con il passaggio al 3-5-2 si trova bene?
“Sì, è il mio modulo preferito. Sia come terzo di difesa che come quinto. Mi piace impostare da dietro palla a terra”.
E la concorrenza di Rajkovic?
“Si è creato un buonissimo rapporto. Si è ritrovato in B ma non è la sua categoria. Ho solo che da imparare da un giocatore così”.
C’è un compagno di squadra in particolare che, secondo lei, lascerà il segno?
“Nicolussi. Ha nella testa un solo obiettivo. Con la sua tecnica, e anche la forza nelle gambe, ce la farà. È un ragazzo che vuole arrivare e, con la tecnica e la forza che ha nelle gambe, ce la farà. Viaggia con 5 palloni in macchina, questo fa capire tante cose”.
In futuro si vede ancora con la maglia del Grifo?
“Questa è una società con una grande storia e Perugia è una città in cui mi trovo veramente bene. Se devo dimostrare ancora qualcos’altro per meritare di rimanere lo farò, poi la società farà le sue valutazioni”.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Grande Galeone un profeta... Number one"

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ricordo a Siena in una delle prime partite della sua era eravamo fuori dallo stadio quando due o tre tifosi lo videro e gli dissero se li aiutava ad..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "io abitavo a Elce in via Torelli e Cecca era mio vicino di casa. ricordo un uomo vero in campo e fuori sempre rispettoso e disponibile un calcio d'..."

Il Perugia e la sua storia: la leggenda del ‘Sor Guido’ Mazzetti

Ultimo commento: "Un grande allenatore, un grandissimo uomo !"

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Rappresenta il più grande PG di tt i tempi, nn solo x l'aspetto tecnico,ma x ciò che significò sotto l aspetto sociale caratterizzato da grande..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da BiancoRosso - Il Personaggio