Resta in contatto

Approfondimenti

Bunker Grifo: una difesa fondata su… Melchiorri

La porta del Perugia, con il pareggio a reti bianche contro il Crotone, è inviolata da 282 minuti. Non succedeva dal 2018. Determinante la generosità del marchigiano, simbolo del lavoro per la squadra di tutti gli attaccanti

Fermato il Crotone sullo 0-0 nonostante l’inferiorità numerica, il Perugia ha messo insieme la terza gara di fila senza gol al passivo. Non è arrivato il tris di vittorie dopo Salernitana (1-0) e Ascoli (1-0), ma la cura Cosmi sta trasformando la difesa biancorossa in un bunker. Queste le fondamenta per la risalita.

Mai in questa stagione il Grifo aveva messo tre gare in fila senza gol al passivo. La porta biancorossa è inviolata da 282 minuti (l’ultima rete è di Insigne nel successo del Benevento al Curi). E c’è di più. Per ritrovare una serie così bisogna tornare al marzo 2018, quando il Perugia di Breda vinse 4 partite consecutive con 9 gol fatti e 0 subiti (500′ di imbattibilità totali).

Tanti i fattori che stanno contribuendo all’impermeabilità del Grifo. Un mix di valori tecnici e motivazionali. Il ritorno di Angella a pieno regime ha indubbiamente generato solidità per tutto il reparto, permettendo anche di mettere a posto ogni tassello difensivo nel 3-5-2 di Cosmi.

Se il centrale è il simbolo delle ritrovate qualità di lotta nell’uno contro uno, Federico Melchiorri, nel match contro il Crotone, si è trasformato in “difensore supereroe”, attaccante in grado di giocare a tutto campo (Le pagelle di CalcioGrifo) e primo filtro della fase di non possesso.

Il bomber di Treia ha vestito i panni del trascinatore fondendo intelligenza tattica, spirito sacrificio e qualità tecniche. Con la generosità contagiosa di Melchiorri ogni grifone farà quella “corsa in più” sempre determinante per arrivare oltre i naturali limiti.

Cosmi: “Che combattività! Il Perugia è diventato squadra”
Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "certo.... ma il cav. Ghini neanche ha saputo comprare le partite.... ricordi il 1986?"

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Grande personalità, maestro di vita, semplicità da vendere .unico"

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Gaucci per carità dio lo riposo in pace e abbia pietà di lui e stato la rovina il fallimento del nostro Perugia con le sue mattane ci a portato al..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Non fosse stato per quel decerebrato di Gaucci il Perugia sarebbe arrivato fra le prime 10 di A! Purtroppo aveva troppa voglia di togliersi dai piedi..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da Approfondimenti