Resta in contatto

Approfondimenti

Perugia con l’handicap: Angella vale oltre mezzo punto a partita

Ha saltato due terzi delle gare e l’assenza è pesante: con il difensore biancorosso in campo il Grifo ha fatto 1,77 punti ogni giornata, senza la media scende a 1,04

È stato il rimpianto più grande della gestione Oddo. Solo nelle prime due gare di campionato l’ex tecnico del Grifo ha potuto contare su Gabriele Angella. E l’assenza della colonna difensiva biancorossa, ancora oggi, continua a pesare parecchio nell’economia della stagione.

Per questo il recupero del centrale per il match con il Cosenza“la partita più importante del campionato “ – e il finale di stagione è davvero determinante.

La tenuta del reparto arretrato è la base per incassare meno gol. E meno gol al passivo fanno fruttare maggiormente le (poche) reti di una squadra, come il Perugia, in difficoltà cronica nel trovare la via della porta avversaria. La traduzione è facile: una media più bassa di gol subiti alza la media di punti a partita.

Con o senza Angella la differenza, in casa perugina, è davvero sensibile. Il difensore del Grifo ha giocato 9 gare da titolare, più il recente match con il Cittadella in cui è stato costretto al forfait a metà del primo tempo. Non è un caso che i veneti abbiano trovato due gol e la vittoria proprio quando è uscito l’ex Udinese. Con Angella in campo il Perugia ha subito 7 reti per una media di 0,77 gol a partita. Senza la colonna difensiva le reti incassate sono state 35 in 24 gare e la media sale a 1,45 gol a partita.

Il riflesso sul rendimento è sostanziale. Con Angella titolare il Perugia ha messo insieme 1,77 punti a partita, senza la media scende a 1,04 punti ogni gara. Nel complesso, fin qui, il campionato biancorosso ha viaggiato al ritmo di 1,24 punti a partita (41 in 33 giornate) e questo si è tradotto nell’attuale lotta salvezza.

Un uomo solo non può determinare l’intera stagione di una squadra ma, analizzando i numeri, se il Perugia avesse potuto contare costantemente su Gabriele Angella di certo i play-out non sarebbero diventati uno spauracchio.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Serse? ma come puoi pensare una cosa del genere...... ti dico solo che al suo arrivo galeone trovò il Perugia quart' ultimo e andò in serie A........."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Grande Tigre..Grande Uomo...Grande Calciatore. Antonio Ceccarini da Sant'Angelo in Vado....con Ramaccioni che lo portò a Città di Castello...per..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "Non l' ho mai conosciuto direttamente, ne' incontrato da vicino pero' ho 1 piccolo ricordo di lui quando non era conosciuto. Il Grifo giocava in C2,..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Che dire di Castagner persona semplice genuina grande tecnico grande uomo quello che ha fatto a Perugia penso sia irripetibile che dire di più?"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da Approfondimenti