Resta in contatto

News

Perugia, ai play-out nessun vantaggio: il regolamento

Se non ci saranno stravolgimenti della classifica da parte della giustizia sportiva (atteso l’esito del ricorso del Trapani) la sfida salvezza sarà tra Grifo e Pescara, due squadre che hanno chiuso con gli stessi punti la regular season. La norma ricalca quella della finale play-off

La certezza è che il Perugia farà i play-out. C’è ancora da stabilile l’avversario. La classifica finale piazza i grifoni di fronte al Pescara, il ricorso del Trapani contro la penalizzazione lascia aperte altre due finestre: con l’eventuale restituzione di un punto, sfida ai siciliani; se i punti dovessero essere due, match contro il Cosenza.

C’è anche un’altra certezza. Il Perugia non avrà vantaggi nella doppia sfida play-out. L’unico, diventato però ormai molto marginale al tempo delle gare a porte chiuse, è poter giocare il match di ritorno in casa (contro il Pescara). Per il resto la formazione biancorossa non potrà contare di centrare la salvezza in caso di parità di reti segante nelle due gare (il gol in trasferta comunque non vale doppio), nonostante il Grifo abbia chiuso davanti al Pescara per la classifica avulsa, con gli stessi 45 punti.

In caso di parità dopo i 180′ il regolamento dei play-out ricalca quello della finale play-off. “Per decretare la compagine vincente, dopo i 180 minuti si tiene conto della differenza reti e, in caso di ulteriore parità, del piazzamento in classifica; qualora le due squadre avessero concluso il campionato con lo stesso numero di punti, nel match di ritorno si disputerebbero i tempi supplementari e gli eventuali calci di rigore”.

In definitiva se i play-out saranno tra Perugia e Pescara (entrambe 45 punti) il ritorno si gioca al Curi ma in caso di parità si andrà avanti con supplementari e rigori. Stesso discorso, ma a campi invertiti, se la sfida sarà fra Perugia e Trapani. In caso di confronto tra Perugia e Cosenza (46 punti) l’equilibrio sarebbe spezzato dalla miglior classifica dei calabresi e il Grifo sarebbe costretto a fare un gol in più egli avversari nei 180′ altrimenti sarebbe retricesso.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Ragazzi, con tutto il rispetto per voi ma... Il Gale è Pescara. Pescara è il Gale. Gale e Profeta, sostantivi coniati da noi.... In bocca al lupo..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "15 anni le prime sigarette in curva nord.. Tu segnavi in serie c... Sotto militare facevi vincere i gobbi la champions... Poi torni e per poco non ci..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Ero in curva nord quel giorno indimenticabile, avevo 15 anni, con papà e mamma, che non ci sono più, mio fratello, i miei zii. L'immagine di Antonio..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Grande allenatore mi ricordo un'amichevole con la ternana al primo campo intitolato al grande Renato Curi quello di Baschi (Tr) ma non..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da News