Calcio Grifo
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Grifo, Balata continua a difendere il Lecco: ‘È una vergogna che non sia in Serie B’

Le parole del presidente della Lega B dopo il Consiglio Federale vanno a sbattere contro quanto riportato dal Perugia nel contro ricorso presentato al Tar

Il presidente della Lega B Mauro Balata continua, in maniera ricorrente ed inspiegabile, a difendere a spada tratta il Lecco. Lo ha fatto nuovamente al termine del Consiglio Federale di lunedì: “La Serie B ha finalmente scoperto, dal ricorso del Lecco, le dinamiche degli accadimenti fattuali. C’è stato uno spostamento deciso il 27 aprile da parte della Lega Pro delle gare dei playoff, sapendo che a novembre 2022 era uscito il Comunicato federale che stabiliva degli step per procedere con gli adempimenti per l’iscrizione. Si era definito che la scadenza dei criteri infrastrutturali fosse il 15 e la finale dei playoff è stata fissata per il 18. Fatevi una domanda e datevi una risposta”.

In realtà, come vi abbiamo spiegato nell’articolo pubblicato poche ore fa (QUI), nel contro ricorso presentato dal Perugia nei confronti di Lecco e FIGC al Tar del Lazio, l’avvocato del Grifo Loredana Giani ha spiegato chiaramente che la società lombarda sapeva di dover trovare uno stadio sin dal 9 novembre 2022, data in cui il sistema delle Licenze Nazionali ha fissato gli adempimenti da osservare per le iscrizioni. Inoltre, in seguito, ha avuto molte altre possibilità per poter cominciare la ricerca dell’impianto, ma non lo ha fatto.

Il Lecco non è una società della Serie B, ma credo che tutto ciò sia una vergogna – ha aggiunto Balata  ci atterremo alla decisioni dei Giudici e dei tribunali. Io, però, vorrei fare una riflessione: la Serie B ha un piano dal punto di vista industriale e deve adempiere a degli obblighi nei confronti degli sponsor e delle società hanno della programmazione, che ha un valore economico che è secondo in Europa e che ha un valore di 600 milioni di euro. Non si può pretendere che le competizioni sportive devono soccombere questo genere di tempistiche e di ritardi. E’ una cosa che va risolta definitivamente, ho tutte le mie società che sono sconcertate. Annullamento di riammissioni e ripescaggi? Andrà un attimino calibrata la riforma, c’è pur sempre un’esigenza di tutela dei format. Noi sappiamo che abbiamo fatto il nostro dovere. Noi abbiamo avuto un’altra vicenda, quella della Reggina, con una tifoseria meravigliosa. 19 società hanno rispettato le regole, forse c’è stata un’anomalia da un’altra parte. Ci sono state delle norme di coordinamento tra le legislazioni sportive e quelle ordinarie, approvate anche in relazione anche alla situazione Reggina. Oggi ci si dice che non vanno bene neanche più quelle, mi sembra davvero troppo”.

Infine, il presidente della Lega B si è nuovamente espresso sul format a 20 squadre del campionato cadetto: “Siamo graniticamente schierati sul nostro format. Le conseguenze sarebbero devastanti, non stiamo parlando di un campionato qualunque. Abbiamo anche delle obbligazioni di natura contrattuale importante, non possiamo permetterci di subire pregiudizi da questa situazione”.

Subscribe
Notificami
guest

50 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Anticipo combattuto per i toscani terzi in classifica, nell'altro match del venerdì nuova quaterna del...
Pagliari: "Cerchiamo di fare il percorso migliore per lui, con i giovani bisogna sempre andare...
Dai quotidiani locali - Dell'Orco spera di tornare a disposizione con l'Ancona. Ballottaggi sulla trequarti...

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  Si chiude la sessione invernale di calciomercato. Ecco le ufficialità dei club della Serie C. Tra...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...