Resta in contatto

Approfondimenti

Grifo senza play off per la prima volta, palla a Cosmi

Con il ko a Verona il Perugia è scivolato al nono posto ma il tecnico biancorosso ha ereditato una classifica già “a rischio”. I grifoni sono ancora artefici del proprio destino

Era chiaro e in preventivo che l’inizio del 2020 del Perugia avesse un handicap difficile da pareggiare. Perché la chiusura del girone d’andata era stata negativa, sia sul fronte dei risultati che sul piano disciplinare. E così Serse Cosmi, chiamato dal club di Santopadre per “solidificare” un gruppo sportivamente bipolare, è partito con due ko: indolore in Coppa Italia contro il Napoli, più negativo, anche perché immeritato nonostante la rosa ridotta all’osso, lo stop in campionato in casa del Chievo.

Classifica alla mano, per la prima volta da inizio stagione, il Perugia è fuori dalla zona play off. Di fatto il Grifo è stato sempre tra il secondo e l’ottavo posto per un girone interno. Allargando la prospettiva, il club biancorosso è stato tra le prime otto posizioni per 38 partite, ad eccezione della penultima giornata della scorsa stagione in cui però era già nota la situazione disastrata del Palermo.

Con 18 gare ancora da giocare, tutto resta in mano agli uomini di Cosmi. Ancora artefici del proprio destino. Perché la classifica è corta, con il secondo posto a 8 lunghezze e a 3 c’è il quarto, è una prospettiva fatta di graduali rientri preziosissimi tra squalifiche (Gyomber e Rosi sono pronti, Iemmello ha ancora una giornata da scontare) e acciaccati sulla via del recupero (Angella ha già riassaggiato il campo, più Kouan e Nicolussi). Oltre alle potenziali risorse di mercato (Benzar ha firmato)

Serse ha ereditato una situazione delicata e ha messo sul campo i primi input per stimolare la squadra che, al Bentegodi, ha risposto con segnali evidenti da non disperdere. Lunedì al Curi arriva la cenerentola Livorno per il classico match da non sbagliare e con un solo risultato accettabile. Ridisegnare la classifica è una priorità per alimentare entusiasmo e speranze.

 

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Nce serve niente…se Falcinelli se sblocca sin dolori x tutti.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Con Serse minimo finimo al terzo posto….. Con mezza squadra il buon giorno si è visto….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
8 mesi fa

Più che altro la palla passa alla società….

Advertisement

L’era del profeta: il magico Perugia di Galeone

Ultimo commento: "Ragazzi, con tutto il rispetto per voi ma... Il Gale è Pescara. Pescara è il Gale. Gale e Profeta, sostantivi coniati da noi.... In bocca al lupo..."

Da Mugnano alla conquista del mondo: il Perugia di Fabrizio Ravanelli

Ultimo commento: "15 anni le prime sigarette in curva nord.. Tu segnavi in serie c... Sotto militare facevi vincere i gobbi la champions... Poi torni e per poco non ci..."

Il ‘Tigre’ Ceccarini e il Perugia degli anni ruggenti

Ultimo commento: "Ero in curva nord quel giorno indimenticabile, avevo 15 anni, con papà e mamma, che non ci sono più, mio fratello, i miei zii. L'immagine di Antonio..."

Ilario Castagner, l’uomo dei Miracoli

Ultimo commento: "Grande allenatore mi ricordo un'amichevole con la ternana al primo campo intitolato al grande Renato Curi quello di Baschi (Tr) ma non..."

Precursore, inimitabile, irripetibile: Luciano Gaucci, un Uragano a Perugia

Ultimo commento: "Ternano di nascita ma da sempre fervido sostenitore di qualsiasi società sportiva o sportivo umbro in grado di portare il nome della nostra regione..."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a PERUGIA su Sì!Happy

Altro da Approfondimenti